Altro scontro sulla Futa. Grave centauro di 23 anni

A una settimana dall’incidente di Zula ancora sangue sulla statale 65. Il ferito trasportato al Maggiore con l’elisoccorso. Automobilista sotto choc.

Altro scontro sulla Futa. Grave centauro di 23 anni

Altro scontro sulla Futa. Grave centauro di 23 anni

Giornata nera, quella di ieri, sulle strade della provincia bolognese dove si sono verificati due incidenti, con un motociclista in gravissime condizione e un secondo, fortunatamente, che ha riportato ferite lievi. Il primo, ed il più grave, si è verificato in mattinata sulla ss65 Futa, in territorio di Pianoro, all’altezza della frazione di Livergnano. Un 23enne era in sella alla sua moto e si stava dirigendo verso Loiano quando, per cause ancora da accertare, avrebbe impattato frontalmente con una macchina che stava percorrendo la Futa in senso opposto. Il giovane centauro è stato sbalzato via dalla due ruote ed ha fatto un volo di diversi metri prima di impattare con violenza al suolo. Le sue condizioni sono parse da subito le più gravi soprattutto per il severo politrauma che ha riportato agli arti inferiori. Quasi illeso, invece, ma sotto choc, il conducente della macchina. Sul posto, avvisati da chi ha assistito all’incidente, sono sopraggiunti i sanitari del 118 con due mezzi da Loiano, un’ambulanza e un’automedica, e, poco dopo, è arrivato anche l’elisoccorso. Il mezzo di soccorso ha caricato il 23enne in codice di massima gravità e lo ha portato all’ospedale Maggiore dove, per fortuna, nelle ore seguenti, le sue condizioni sono migliorate ed è rimasto ricoverato in media gravità. Per i rilievi del caso e per capire la dinamica dell’incidente sul posto sono intervenuti i vigili urbani di Pianoro. Il traffico è rimasto rallentato a lungo.

Solo una settimana fa, sempre nella mattinata di sabato, un altro incidente, tra tre moto, si era verificato sempre in territorio di Pianoro, sulla Futa, ma in frazione Zula: ad avere la peggio era stato un centauro 25enne poi portato in ospedale in codice di massima gravità, ma non in pericolo di vita. Dopo l’impatto frontale tra la sua moto e un’altra, infatti, il giovane, caduto a terra, era stato travolto da un’ulteriore due ruote che sopraggiungeva poco dopo.

Sempre nella mattinata di ieri si è verificato un altro incidente, ma sulla ss64 Porrettana, all’altezza della zona industriale di Marzabotto. Ad avere la peggio, per fortuna solo varie fratture e un codice di media gravità, un 71enne che era in sella alla sua Ducati multistrada.

Stando alle ricostruzioni dei carabinieri di Vergato l’uomo stava effettuando un sorpasso in prossimità di una curva. Ad un certo punto, forse a causa di un pò di ghiaia sulla carreggiata, il 71enne avrebbe perso il controllo del mezzo scontrandosi con una Suzuki Swift che percorreva la carreggiata opposta.

Anche in questo caso si sono formate code lunghissime.

Zoe Pederzini

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro