Centri estivi 2024, click day addio: ecco come iscrivere i bambini

L’assessore alla Scuola Ara: “Le domande saranno sempre online, open day di presentazione il 20 aprile”

Centri estivi, stop ai click day
Centri estivi, stop ai click day

Bologna, 31 gennaio 2024 - Centri estivi: addio all’incubo del click day per le iscrizioni. Ad annunciarlo è l’assessore alla Scuola, Daniele Ara: “Le domande saranno sempre online, ma saranno divise in momenti diversi a seconda dell'età dei bambini”. Ciò implica “che non sarà tutto concentrato nello stesso momento”.

Basta click day quindi: una liberazione per le famiglie, per anni, costrette in un caos inenarrabile. Nel frattempo, prosegue Ara, “abbiamo incontrato i gestori, quindi incontreremo la Consulta dell'handicap e il 20 aprile si terrà un open day di presentazione di tutta l'offerta alla cittadinanza".

Ma non è tutto. "Stiamo ragionando su un atto di orientamento che dia un indirizzo chiaro alle eventuali strutture che organizzino centri estivi all'interno di Case di quartiere, centri sportivi e altri luoghi comunali – annuncia Ara – affinché rientrino nel sistema e per avere un'indicazione chiara sulle attività che si sviluppano all'interno dei luoghi comunali. Sono pochi quelli che non rientrano nel sistema, ma metteremo nero su bianco che ci sarà il dovere di convenzionarsi con questo modello".

Infine il Comune vorrebbe "sperimentare, possibilmente con l'uso di voucher, per alcuni ragazzi soprattutto delle medie, la frequenza di esperienze di soggiorno all'aperto, in campeggi al mare e in montagna. Lo stiamo valutando".

Altre novità sul fronte dei centri estivi, sono più fondi per l’inclusione dei ragazzi disabili e una mappatura preventiva del numero di settimane di servizio di cui le loro famiglie hanno bisogno.

Si tratta di un argomento che ogni anno genera polemiche e l'amministrazione, assicura Ara, sta lavorando per andare incontro alle esigenze dei disabili e di tutte le famiglie. "La discussione su come strutturare sempre meglio il sistema integrato dei centri estivi e delle scuole aperte è continuata. E’ un tema che abbiamo molto a cuore - puntualizza l'assessore -. Quello che ogni anno abbiamo su questo tema è un dibattito che ci stimola sempre ad arricchire e consolidare il sistema".

Con il 2024 “si conclude il triennio con gli attuali gestori convenzionati" e nel complesso "confermiamo il modello", annuncia l’assessore. Tuttavia ci saranno alcuni cambiamenti. "Grazie all'utilizzo dei Pon, abbiamo risorse aggiuntive sull'inclusione e la disabilità, una cosa ovviamente molto importante. Siamo in attesa della conferma delle risorse da parte sia della Regione Emilia-Romagna sia dello Stato. Abbiamo un'interlocuzione a tutti i livelli per capire di quante risorse disporremo oltre a quelle del Comune".

In queste settimane, "faremo un monitoraggio sulla disabilità per capire le esigenze reali delle famiglie rispetto al numero delle settimane, è una novità di quest'anno con cui vorremmo avere con molto anticipo una mappa del bisogno".  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro