Due giorni al Tpo per Romagnoli. Garrincha ricorda il suo fondatore

La festa per il ’sesto’ Stato Sociale. Sul palco anche La Rappresentante di Lista, Cimini ed Ex Otago

Due giorni al Tpo per Romagnoli. Garrincha ricorda il suo fondatore

Due giorni al Tpo per Romagnoli. Garrincha ricorda il suo fondatore

Se esiste oggi una casa discografica laboratorio, un luogo di incontro dove la creatività entra in relazione con il mercato, dove le idee vengono condivise e finiscono per arrivare alla serata finale del Festival di Sanremo, questa è la bolognese Garrincha Dischi. Merito del suo fondatore Matteo Romagnoli scomparso lo scorso anno, il sesto Stato Sociale, perché del gruppo di Una vita in vacanza era un componente a tutti gli effetti, anche se non saliva sul palco. La Rappresentante di Lista, Extraliscio. Cimini. Savana Funk, oltre naturalmente allo Stato Sociale sono solo alcuni degli artisti passati dalle sedi, spesso instabili spesso nel giardino di un bar alla Bolognina, di Garrincha. Una esperienza umana e professionale, quella di Romagnoli che verrà ricordata domani e sabato al Tpo (Via Casarini 17/5, apertura porte ore 19.00) con Impubblicabile. Ovvero il Compleanno di Matteo, una festa lunga due giorni che prende il nome da una delle frasi che, ricordano i musicisti che hanno lavorato con lui, amava ripetere, dopo aver ascoltato quello che era stato registrato in studio in sua assenza sia da giovani talenti, che da nomi già noti: ‘No regaz, questa roba è impubblicabile’. Per l’occasione Garrincha pubblicherà un 45 giri, Sotto un milione di nuvole, con due inediti dello Stato Sociale, in uno dei quali è proprio eccezionalmente lui, insieme a Carota, altro componente del gruppo, a cantare. Il disco, stampato in una tiratura limitata, così da diventare un oggetto da collezione, verrà messo a disposizione in anteprima a chi acquisterà l’ingresso per i due giorni. Tutto il ricavato andrà in beneficenza all’Associazione Italiana Tumore Desmoide e Sindrome di Gardner, che era la patologia della quale romagnoli soffriva, iniziativa che precede la creazione di una fondazione intitolata a suo nome, per conservare e valorizzare l’enorme quantità di materiale che la casa discografica ha prodotto negli anni, attraversando in maniera molto ampia la scena della musica pop nazionale. Linguaggi differenti, accomunati solo da due caratteristiche alle quali Romagnoli teneva tantissimo, quando decideva di produrre un nuovo musicista. La capacità che le canzoni avevano di arrivare all’ascoltatore in maniera diretta, senza intellettualismi e la necessità che fossero sempre cantate in italiano. Obiettivi che ha centrato ad esempio con un brano di grandissimo successo come Una vita in vacanza.

Sul palco del Tpo si alternerà un numero vastissimo di musicisti con i quali Romagnoli ha lavorato. Ci sarà Lo Stato Sociale, naturalmente, e poi Cimini, La Rappresentante di Lista, i Gazebo Penguins, i Bachi da Pietra, gli Ex Otago, The Bluebeaters, Pierpaolo Capovilla, L’Orso, gli Espana Circo Este e moltissimi altri, le cui esibizioni, ognuna dalla durata massima di 20 minuti, saranno intervallate e seguite da numerosi dj set. Tanta musica, ma anche tante parole. "Per un volta vorrei che a un concerto– dice Bebo Guidetti–, che fa parte della formazione, gli artisti facessero una canzone in meno e dedicassero a Matteo una parola in più".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro