Ex Staveco, affidato il progetto di riqualificazione: come sarà il Parco della Giustizia

Ipostudio Architetti Srl il vincitore del concorso di progettazione internazionale. Verranno realizzati in loco nuovi uffici giudiziari collocati all’interno di un grande parco verde. Lepore: “Una delle opere di rigenerazione più importanti”

Bologna, 28 Novembre 2023 – Una nuova vita per l’ex caserma militare Sta.ve.co, che diventerà un “Parco della Giustizia”: è il raggruppamento Ipostudio Architetti Srl il vincitore del concorso di progettazione internazionale indetto a inizio anno dall’Agenzia del Demanio, volto al recupero dello stabile.

Un'iniziativa protagonista della riqualifica urbana dell’area di circa nove ettari, rimasta inutilizzata ormai da decenni, che unisce i colli bolognesi al centro storico. Grazie all’azione sinergica tra l’Agenzia del Demanio e il Ministero della Giustizia verranno realizzate in loco nuovi uffici giudiziari collocati all’interno di un grande parco verde, in piena linea con quanto richiesto dagli obiettivi di sostenibilità ambientale ed economica previsti dal concorso.

Inoltre il progetto è volto al raggiungimento degli obiettivi di neutralità climatica presi dalla città aderendo alla missione “Città Intelligenti ed ad impatto climatico zero”, la progettazione è stata infatti guidata, oltre che dal rispetto della normativa nazionale (C.A.M) e comunale (P.U.G.), anche dall’applicazione di due certificazioni ambientali di respiro internazionale Leed Bd+C e Gbci.

A sinistra il rendering del nuovo Parco della Giustizia di Bologna, affidato a Ipostudio Architetti Srl
A sinistra il rendering del nuovo Parco della Giustizia di Bologna, affidato a Ipostudio Architetti Srl

Come sarà il nuovo polo

Denominato anche ‘un Nuovo portico’, poiché la struttura architettonica ricorda l’elemento tipico bolognese, la struttura dell’area è sia funzionale dal punto di vista tecnologico sia simbolo di uno spazio unito, percorribile dai cittadini. Più di 36mila metri quadri sono stati recuperati, verranno piantati 700 nuovi alberi (oltre al mantenimento di quelli già presenti nella zona). Messi poi a disposizione 200 posti auto per il Ministero di Grazia e Giustizia, 400 per i cittadini e 700 posti per le biciclette, in modo da incentivare anche la mobilità sostenibile sfruttando anche le ciclabili che percorrono i viali adiacenti allo stabile. Un'area verde dunque che unirà sostenibilità, lavoro e mobilità green: il primo lotto è già finanziato dal Ministero della Giustizia, per 105 milioni di euro, e la spesa complessiva è prevista di circa 270 milioni di euro.

Lepore: "Una delle opere di rigenerazione più importanti”

"Il Parco della Giustizia che nascerà nell’ex caserma Staveco è una delle opere di rigenerazione più importanti che abbiamo di fronte nei prossimi anni, che collegherà il centro storico ai colli. Ringrazio quanti hanno partecipato al concorso internazionale e, in particolare, Ipostudio Architetti Srl, che ha vinto con questo progetto che interpreta bene lo spirito di questo nuovo spazio, coniugando gli obiettivi di sostenibilità e innovazione. Nasce un nuovo pezzo di città nel verde”, afferma il sindaco di Bologna, Matteo Lepore.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro