Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 lug 2022
nicoletta
Cronaca
14 lug 2022

Giochi diversi per i bimbi di ieri e di oggi

14 lug 2022
nicoletta
Cronaca

Nicoletta

Barberini Mengoli

È davanti all’evidenza che ci si accorge dei cambiamenti in tutti i settori, anche nei giochi dei bambini. Li crediamo estranei ai fatti correnti, mentre invece vi partecipano di riflesso, e anche se non informati ufficialmente essi sanno estrapolare parole e dati dai nostri discorsi ed adattarli alla loro piccola e bella realtà. Proprio giorni fa ho assistito ai giochi sulla spiaggia di alcuni bimbi e ammetto di esserne rimasta molto impressionata, comparando il loro linguaggio e ciò che costruivano con la sabbia a quella che era la realtà infantile fino a pochi anni fa. Realtà che oggi rispecchia Serie Tv e i cartoni Naruto,specie per i maschi, o Alice in Borderland, non sempre adatto ai giovani, ispirato ad un fumetto giapponese Manga, quelli che si leggono al contrario, ossia da destra a sinistra. Il cartone Naruto è la storia di un ragazzino che vuole diventare la migliore spia del suo villaggio, il tutto ovviamente condito da parole e movimenti giapponesi. I giochi stupendi dei nostri tempi tipo i castelli fantasmagorici sulla sabbia con guglie, ponti, strade e montagne incantate, e le mitiche e tortuose piste che servivano per giocare ore e ore con le biglie di vetro sono finiti. Quanta fantasia del singolo bambino c’era in quei giochi! Ora i giochi sulla sabbia continuano: le palette, i secchielli, gli stampini e le gru ci sono ancora, ma solo per i piccolini, poi subentrano i progetti di costruzioni nella sabbia della guerra in Ucraina con i soldatini e i cannoni per riprodurre quello che sentono dire dagli adulti, e cioè quello che trattengono nella loro mente. La realtà che vedono e sentono al Telegiornale si riproduce sulla sabbia, e quindi sorgono case strane che assomigliano ai quartieri malfamati in contrasto con i grattacieli che rappresentano i quartieri residenziali, però ci sono anche dei carri armati sulla Via Emilia, l’unica strada che i bambini bolognesi sentono nominare spesso in casa. Questo ultimo mix, però, fa paura, molta paura!

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?