Inter, tre settimane per chiudere i conti. Ma Sommer è in dubbio per Lecce

Al posto dello svizzero è pronto Audero. Marotta: "Inzaghi farà tanta strada. Se Lukaku fosse rimasto..."

Inter, tre settimane per chiudere i conti. Ma Sommer è in dubbio per Lecce

Inter, tre settimane per chiudere i conti. Ma Sommer è in dubbio per Lecce

Tre settimane per mettere i primi punti fermi della stagione. Lecco, Atalanta, Genoa Bologna un calendario non impossibile per chiudere definitivamente la porta in faccia a Juve e Milan (ma forse l’anti-Inter non è mai veramente esistita).

Filotto di partite sulla carta non impossibile, anche se in mezzo c’è il recupero con la scatenata Dea di Gasperini. E poi il ritorno in casa dell’Atletico Madrid. Ostacolo bello, affascinante, ricco di insidie ma da superare per coltivare il sogno Champions. Troppo striminzito l’1-0 a San Siro per tranquillizzare. I Colchoneros nel ritorno degli ottavi di finale (13 marzo al Civitas Metropolitano) ci diranno quanto vale veramente questa Inter che, per ora, sta convincendo tutti.

"Simone Inzaghi? Gestisce benissimo lo spogliatoio, ottiene il massimo da tutti. È cresciuto tanto. Poi c’è una cosa che si dice poco, lui rispetto alla generazione degli Spalletti e dei Conte ha dieci anni in meno di esperienza. Potrà fare altra strada" ha detto l’ad Giuseppe Marotta durante il corso sulla figura del Team Manager alla Luiss di Roma.

Restando sul tema panchina, Marotta sottolinea: "Nel 2019, all’Inter, ho sacrificato Spalletti, che ritengo un bravo allenatore, per portare a Milano Conte e la sua mentalità vincente".

Parlando dell’affare Lukaku saltato ha aggiunto: "Noi Thuram lo avevamo preso comunque, ma se Lukaku avesse accettato ci saremmo trovati con lui, Martinez e Thuram. Magari non ci sarebbe stata la stessa chimica che abbiamo con Marcus e Lautaro".

Poi ci sono anche gli imprevisti con i quali anche un perfezionista come Inzaghi deve fare i conti. L’ultimo arriva da una zona di campo dove l’Inter quest’anno non ha mai avuto problemi. Sommer ieri non si è infatti allenato a causa di una leggera sindrome influenzale. Le condizioni del portere svizzero saranno valutate oggi. Se dovesse smaltire la febbre in tempo l’ex Bayern partirebbe con la squadra per la trasferta di Lecce, altrimenti tra i pali toccherà a Emil Audero. L’ex Sampdoria non ha mai giocato in campionato, ma è stato titolare in Benfica-Inter 3-3 di Champions League e in Inter-Bologna 1-2 negli ottavi di Coppa Italia.

Domani a Lecce, inoltre, riposerà un centrocampista, in vista dell’impegno di mercoledì contro l’Atalanta, e ad oggi l’indiziato numero uno è Nicolò Barella: al suo posto si scalda Davide Frattesi, che potrebbe quindi partire dal 1’ in Puglia.

In attacco possibile riposo per Lautaro Martinez, lasciando in tal caso il reparto nelle mani di Marko Arnautovic e Alexis Sanchez, ma non sarà l’unica novità.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro