La storia del metrò mai nato

Il progetto della metropolitana a Bologna, ideato da Guazzaloca, fu abbandonato per opposizione politica. Dopo varie modifiche, ora si punta sul tram.

La metropolitana a Bologna era stata studiata, progettata e sostenuta dalla giunta del sindaco Giorgio Guazzaloca ma poi finì nel nulla quando Guazza cedette il posto di sindaco. Non è tanto il tema dei reperti archeologici che possono essere trovati sotto terra ad aver dato lo stop. Se il metrò è stato fatto a Roma, culla dell’antichità, è ovvio che i sistemi per aggirare l’ostacolo ci possono essere anche a Bologna. Il progetto saltò per una opposizione politica. Fu nel 1999 che la giunta guazzalochiana concepì la Mab, Metropolitana automatica bolognese: tutta sottoterra, guida automatica computerizzata e piccoli convogli. Una linea prevedeva il tratto considerato a più alta intensità di traffico, vale a dire Fiera-stazione-parcheggio Staveco, mentre l’altra avrebbe collegato piazza dell’Unità con l’aeroporto. Il progetto aveva già ottenuto un primo finanziamento. Guazzaloca perse le elezioni e il nuovo sindaco Sergio Cofferati cambiò l’assetto: metà metrò sottoterra e metà sopra. L’eredità passò poi al sindaco successivo, Flavio Delbono, durato pochissimo, che non riuscì a portare a termine il piano che comunque Regione e provincia hanno sempre avversato sostenendo, tra l’altro, che non ci sarebbero stati i numeri per la sostenibilità dell’opera. Ora torna il tram, avversato da molti cittadini, e spariscono decine di parcheggi.

mail: beppe.boni@ilcarlino.net

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro