L’altra sinistra di Bruna Bandini

Con la lista ’Progresso Ozzano’ corre da sindaco aspettando il vincitore delle primarie del Pd.

L’altra sinistra di Bruna Bandini

L’altra sinistra di Bruna Bandini

È cominciata ufficialmente la campagna elettorale di Bruna Bandini, candidata alla poltrona di sindaco con la lista ‘Progresso Ozzano’, civica già presente in opposizione all’attuale amministrazione. La Bandini è partita nella presentazione, davanti a un centinaio di ozzanesi, ricordando la sua storia personale di intreccio profondo con il territorio, dal suo coinvolgimento nel mondo della scuola e in quello imprenditoriale dove tutt’ora opera come socia e amministratrice in una storica impresa del territorio.

"I valori e gli ideali di sinistra che ho trovato in Progresso Ozzano – spiega – sono gli stessi che mi rappresentano e che, a mia volta, voglio rappresentare per ricercare sempre il bene comune. Abbiamo una grande forza: la forza delle idee per un Ozzano migliore e diverso". Ha poi continuato affermando che: "Indipendentemente dall’esito delle urne lavoreremo instancabilmente con la passione di sempre per il nostro paese". La candidata, nel suo discorso, ha reso note le linee guida che contraddistingueranno la lista Progresso Ozzano.

Il programma è in fase di elaborazione e sarà arricchito anche dal contributo e dal confronto con cittadini e associazioni, ma le idee di fondo sono chiare: "Vogliamo un paese sostenibile che mantenga e curi i beni pubblici, dai parchi alle strutture scolastiche, vogliamo un paese inclusivo e solidale, nel quale i cittadini siamo parte attiva. Vogliamo una politica urbanistica diversa che dica stop alla cementificazione ed alle famigerate ’case nel parco’, ma anche basta al taglio di alberi, in questo modo nel nostro piccolo vogliamo contrastare il cambiamento climatico anche riqualificando l’illuminazione pubblica con lampioni a led. Tra i punti centrali del nostro programma ci sono i giovani, da coinvolgere come parte attiva della comunità". Progresso Ozzano, come reso noto dal Pd giorni fa, non ha voluto l’accordo su un candidato. La Bandini, dunque, sfiderà chi dei dem vincerà alle primarie dei primi di marzo tra il sindaco Luca Lelli e la vicesindaco Mariangela Corrado, oltre alla civica di centrodestra di SiAmo Ozzano, Monia Vason.

Zoe Pederzini

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro