Lavori finiti nel torrente Samoggia. Riparata la cassa di espansione

Dopo i danni dell’alluvione dello scorso maggio. Un intervento da oltre 193mila euro a Le Budrie. L’assessore regionale Priolo: "Si tratta di un’infrastruttura di importanza strategica per la pianura" .

Lavori finiti nel torrente Samoggia. Riparata la cassa di espansione
Lavori finiti nel torrente Samoggia. Riparata la cassa di espansione

Un intervento da oltre 193mila euro per rimettere in sesto le infrastrutture idrauliche della cassa di espansione delle Budrie a San Giovanni in Persiceto.

Si sono da poco conclusi i lavori di somma urgenza fatti per riparare i danni allo scarico di superficie e agli argini colpiti dalle piene di maggio; piene che non hanno risparmiato l’opera, realizzata nel 2011 per la sicurezza del territorio.

"Si tratta di un’infrastruttura di importanza strategica per la pianura bolognese- ha commentato Irene Priolo, vicepresidente con delega alla Protezione civile-. Per questo è stato disposto un intervento in somma urgenza, terminato nei giorni scorsi, in modo da riparare i danni causati alla struttura dagli eventi metereologici di portata eccezionale e rafforzare l’opera idraulica".

La cassa di espansione del torrente Samoggia presenta una superficie utile di invaso di 90 ettari, con intorno un’oasi ambientale e naturalistica di circa 105 ettari.

A causa dell’alluvione, le lastre di pietra che fungono da rivestimento si sono spostate, per la forza delle acque, a diversi metri di distanza dall’impianto di prelievo.

Inoltre, l’accumulo di tronchi e rami trasportati dalla corrente nell’invaso ha limitato il regolare deflusso delle acque e messo a rischio la funzionalità dell’opera.

Con i lavori di somma urgenza è stata riparata la copertura dell’impianto di alimentazione, che ora si presenta più resistente grazie alla realizzazione di opere di collegamento delle lastre di pietra.

Successivamente sono stati raccolti meccanicamente tronchi e rami rilevati all’interno della cassa e, in ultimo, si sono demoliti i due fabbricati pericolanti presenti all’interno dell’opera.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro