L’impatto di Coop Alleanza 3.0: "Per il Paese vale 4,3 miliardi"

Lo studio di Nomisma: in Emilia-Romagna garantisce l’occupazione a quasi 30mila persone

L’impatto di Coop Alleanza 3.0: "Per il Paese vale 4,3 miliardi"

L’impatto di Coop Alleanza 3.0: "Per il Paese vale 4,3 miliardi"

Vale due miliardi l’impatto di Coop Alleanza 3.0 sull’economia dell’Emilia-Romagna. A misurare le ricadute dell’attività del colosso della grande distribuzione è Nomisma, che stima in 4,3 miliardi il contributo al sistema Paese, a fronte di un valore aggiunto diretto, cioè prodotto solo dall’attività economica della cooperativa, di circa 580 milioni. Perciò, ogni euro prodotto direttamente comporta per l’economia nazionale un contributo complessivo pari a 7,4 euro. In regione Coop Alleanza 3.0 produce redditi da lavoro dipendente per oltre 870 milioni e garantisce l’occupazione a quasi 30mila persone. Secondo lo studio di Nomisma, circa il 50% (2,2 miliardi) dei 4,3 miliardi totali sono riconducibili all’effetto diretto del lavoro di Coop Alleanza 3.0, con la produzione e la catena di subfornitura. L’effetto indiretto, cioè quello generato dalle attività economiche attivate dai fornitori, è invece di 800 milioni, mentre l’effetto indotto, prodotto dall’incremento di reddito percepito dai soggetti coinvolti nel processo, ammonterebbe a 1,3 miliardi. Anche in termini occupazionali l’effetto è considerevole: a fronte di 14mila unità di lavoro impiegate direttamente dalle Coop Alleanza 3.0, nel sistema economico italiano ne risultano coinvolte circa 68mila. "Il contributo che Coop Alleanza 3.0 trasferisce a territori e settori economici non si limita al valore che la sua attività, direttamente o indirettamente, contribuisce a generare. Esiste, infatti, un ulteriore forma di contributo che è quello fiscale: anche considerando solo le imposte nette sulla produzione, la nostra cooperativa contribuisce alla fiscalità generale, dunque all’erogazione di servizi per l’intera collettività, per quasi 70 milioni – sottolinea Mario Cifiello, presidente di Coop Alleanza 3.0 –. Un altro dato che emerge dall’analisi di Nomisma è il totale dei redditi da lavoro dipendente che annualmente eroghiamo, oltre 1,7 miliardi di euro". Il valore aggiunto attivato da Coop Alleanza 3.0 non interessa allo stesso modo il Paese: il 50% si concentra in Emilia-Romagna, poi Lombardia e Veneto, rispettivamente col 25% e il 9%, grazie alla presenza nei territori di aziende fornitrici, in primis dell’agroalimentare, ma anche di altri servizi e produzioni funzionali all’attività di Alleanza 3.0.

Marco Principini

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro