L’opinione dei cittadini: "Serve un referendum": "Per me sì, è il momento di un cambio di marcia"

Commenti e voti sono alle stelle, superate le 7.000 interazioni. Sempre più persone si esprimono in merito alla discussa misura. Fra coupon inviati,risposte sul web e mail, il dibattito continua .

L’opinione dei cittadini: "Serve un referendum": "Per me sì, è il momento  di un cambio di marcia"
L’opinione dei cittadini: "Serve un referendum": "Per me sì, è il momento di un cambio di marcia"

Dopo quasi un mese dal varo della ’Città 30’ il dibattito sulla sua effettiva utilità non accenna ad arrestarsi. Tra ’no’ categorici e aperture positive verso il nuovo limite di velocità, ’Città 30’ continua a essere la protagonista assoluta di queste settimane. La stragrande maggioranza sono opinioni contrarie, ma non mancano i favorevoli e tutti i cittadini vogliono far sentire la propria voce. Tra coupon inviati alla redazione di via Mattei, mail arrivate al nostro indirizzo postale e commenti online, il fiume di opinioni non intende fermarsi. Ecco alcuni esempi scelti dalla redazione.

***********

Sono d’accordo con la misura. Sulle strade fuori dal centro, soprattutto più larghe, si potrebbe portare il limite a 40km orari, in ogni caso, per rallentare il traffico andrebbe incrementata la presenza di semplici dossi stradali. Ce ne sono molti, e molto utili, nei centri urbani dell’area metropolitana. Rivedrei anche il criterio delle multe allineandoci maggiormente ad altre città europee. In ogni caso ringrazio questa amministrazione per la linea di tendenza che ha indicato per il futuro.

Commento online

***********

No, il limite sarebbe idoneo se la città andasse a cavallo. Il sindaco sarebbe più onesto che dichiarasse l’intenzione di impedire la circolazione alle auto. Insomma, l’ennesimo atto prodotto dalla politica che quando agisce peggiora sempre un po’ di più la vita, la libertà, la serenità delle persone.

Fabio Rizzoli

***********

Per me è no. Il limite di 30 va bene solo davanti alle scuole, per il resto non è andando piano che si limitano gli incidenti che sono dovuti per la maggior parte delle volte alla maleducazione e all’uso di cellulari e distrazione.

Commento online

***********

Non sono per niente d’accordo con la misura, è ora che chi ha il potere di indire un referendum lo faccia, e al più presto.

Sergio Ventura

***********

No, posso capire nelle zone centrali ossia all’interno dei viali, ma qui si sta parlando di una zona molto estesa, questo oltre che portare disagi a chi ci vive disincentiva anche la visita alla città per quelli che vengono da fuori utilizzando la macchina. Ricordiamoci anche che Bologna è una città sprovvista di metropolitana, non come la maggior parte delle città estere e che i mezzi di trasporto esistenti viaggiano su strada, quindi direi un disastro completo.

Commento online

***********

Città 30, fortemente voluta dal Sindaco Lepore e osteggiata dall’ 80% dei cittadini, è una, forse, buona iniziativa ma applicata nel modo sbagliato. Mi riferisco che in città il limite dei 30 Km/h è stato introdotto in tutte le strade che non hanno tre corsie per ogni senso di marcia, quindi tutte meno i viali di circonvallazione. Strade come Via de’Carracci e Via Saffi, larghe e con marciapiedi e ciclabili sono una totale assurdità, per non parlare della zona Roveri, tutta a 30, un’altra boiata. Invito l’amministrazione a rivedere il provvedimento perché, così congegnato, perde credibilità ed efficacia.

Niccolò Rocco di Torrepadula

***********

Ritengo che la misura dei 30 Km/h vada leggermente aggiustata. Non capisco però la marea di critiche rivolte al sindaco e all’amministrazione per il provvedimento, a mio avviso, di buon senso. Provvedimento che guarda alla sicurezza e che sicuramente verrà corretto. Propongo di mantenere i 30 Km/h all’interno del centro storico e in alcune vie sensibili fuori dai viali. Imporre poi il limite dei 40 o 50 Km/h in tutte le restanti strade, infrastrutture permettendo. Condanno in ogni caso chi va a velocità elevata e spero che si procederà con l’inasprimento delle pene per i trasgressori. Anche coloro che utilizzano biciclette e monopattini contro il codice della strada dovrebbero essere sanzionati maggiormente.

Francesco A.

***********

Per me è no, se vanno tutti ai 30 l’inquinamento in città aumenta perché ci si metterà più tempo negli spostamenti, in più, chi già utilizza il cellulare mentre guida continuerà a farlo anche a 30 Km/h investendo i pedoni per distrazione allo stesso modo.

Guidi Giuliano

***********

Non considerando i cantieri, questa città ha bisogno di una buona viabilità. I 3O vanno bene dentro le mura, non laddove serve un traffico più fluido. Serve educare alla guida, al momento la viabilità è senza regole, bisogna prima educare e poi fare.

Franco Cannatá

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro