L’opinione dei cittadini : "Sì, tutela gli utenti più deboli": "No, non servono nuove regole"

Fra coupon inviati, commenti sul web e mail ricevute, il dibattito non si arresta. In tanti si sono espressi in merito al modello, aggiungendo anche critiche o consigli.

L’opinione dei cittadini : "Sì, tutela gli utenti più deboli": "No, non servono nuove regole"
L’opinione dei cittadini : "Sì, tutela gli utenti più deboli": "No, non servono nuove regole"

Continuano ad arrivare alla nostra redazione email, commenti online e coupon con le opinioni dei lettori. Insomma, il dibattito sulla ’Città 30’ non intende fermarsi. La stragrande maggioranza sono opinioni contrarie, ma non mancano i favorevoli e tutti i cittadini vogliono far sentire la propria voce. Ma come si fa a partecipare? È possibile compilare il tagliando che trovate in questa pagina. Poi, sarà sufficiente spedire il coupon – o portarlo in redazione – all’indirizzo il Resto del Carlino, via Mattei, 106, cap 40138. Il sondaggio si ‘sdoppia’ e anche sul web, basterà collegarsi al nostro sito www.ilrestodelcarlino.it/bologna. Ecco alcune risposte tra coupon cartacei ed email arrivati alla redazione e commenti lasciati sul nostro sito.

***********

Io sono d’accordo, in più bisogna far rispettare le regole del traffico veicolare e della sosta selvaggia e difendere i pedoni negli attraversamenti sulle strisce pedonali.

Commento online

***********

Per me la misura è sbagliata. Bisogna tornare ai 50 Km/h, pensavo di cambiare auto ma penso che ripiegherò su di un carretto con cavallo.

Coupon non firmato

***********

Anche io non sono d’accordo, prima di stabilire nuove e più stringenti regole bisognerebbe far rispettare quelle già esistenti. In particolare vedo molti automobilisti andare a zig-zag a velocità eccessiva sui viali.

Aldo di Gennaro

***********

No, è inutile demagogia dire che se ti vengono addosso ai 30 si hanno meno danni che ai 50. Bisogna evitare che questo accada e basta! Nessuno controlla gli autisti in generale (che siano di mezzi a motore che elettrici o a pedali), sono sempre al telefono, leggono/scrivono messaggi, non usano auricolari o vivavoce, passano bellamente col rosso o vanno contromano. Ci vogliono dei controlli seri in strada sull’utilizzo improprio degli smartphone e sulla sobrietà delle persone.

Commento firmato a.s.c.

***********

Per me è no, basterebbe far rispettare il limite dei 50 Km/h.

Annamaria Borghi

***********

No, non sono d’accordo con il provvedimento. In più vorrei consigliare all’amministrazione di sistemare le piste ciclabili.

Lina Montanari

***********

D’accordissimo. Bologna non è più da anni una città a misura di auto, men che meno SUV ingombranti guidati da pensionati. Inoltre questa norma tutela le 2 ruote, motorizzate e a pedali che siano. Spero che i bolognesi la utilizzino molto di più.

Commento online

***********

No, secondo me basterebbe aggiungere dissuasori e infovelox nei punti più critici e far rispettare il codice della strada anche ai ciclisti.

Coupon non firmato

***********

Anche io non sono d’accordo, prima di imporre i 30 Km/h bisognerebbe sistemare buche, marciapiedi e piste ciclabili.

Pasquale Facciolo

***********

Io sono d’accordo. È una misura atta a tutelare gli utenti della strada più deboli come pedoni, ciclisti, anziani e disabili.

Coupon non firmato

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro