Multe, il 2024 sarà d’oro. Quasi 70 milioni di incassi

Netto previsto a 35, ma il saldo dovrebbe almeno eguagliare i 43 del 2023

Continuerà, per gli automobilisti bolognesi e non, a ballare ‘l’occhio sul tic’ dei velox, citando una celebre frase da ‘Vacanze di Natale’. Del resto gli apparecchi per la misurazione della velocità aumenteranno, si aggiungeranno cinque postazioni alle due già presenti (via Stalingrado e viale Panzacchi), e per questo non diminuiscono affatto le previsioni di incasso dalle sanzioni dal codice della strada da parte di Palazzo d’Accursio. La delibera di rito di fine anno stima in totale 69 milioni e 60mila 650 euro, con un relativo fondo crediti di dubbia esigibilità pari a euro 26.492.167,54. Cifra altissima, che sottraendo al totale solo quel fondo di non sicura riscossione (in quell’oceano le riscossioni dall’estero e tanto altro, che in parte verrà comunque riscosso) riporta al dato finale del 2023 appena concluso, ovvero i 43 milioni di euro incassati dal Comune. Considerando che le stime di dicembre sono sempre al ribasso, non è difficile immaginare che gli incassi del 2024 possano non solo eguagliare, ma anche superare quelli del già ‘grasso 2023’. La delibera, come di consueto, cita anche 5 milioni di euro di "rimborsi provenienti dalle notificazioni delle violazioni", oltre a circa 12 milioni di "spese per accertamento, notifiche e riscossione" e il Comune negli allegati al provvedimento fissa a 35.222.879,77 euro il netto previsto. Ma, come detto, facilmente la cifra può essere corposamente superata come nel ’23.

A raggiungere nuovi record potranno sicuramente concorrere i cinque nuovi punti cittadini dove verranno installati delle coppie di apparecchi velox, tutti già autorizzati dalla Prefettura. Per chi non fosse stato finora troppo attento, ecco la mappa: i velox saranno posizionati su viale Ilic Uljanov Lenin, su viale Sergio Cavina, su viale Carlo Berti Pichat, su viale Palmiro Togliatti e su viale Vittorio Sabena. "Entro l’estate" la deadline esplicitata da Palazzo d’Accursio soltanto qualche settimana fa, quindi nella seconda metà dell’anno i dieci apparecchi dovrebbero essere largamente funzionanti, almeno in parte. In particolare, Palazzo d’Accursio prevede dagli accertamenti sui limiti di velocità, per il 2024, questa cifra: 5.776.069,49 euro.

Come noto, però, una buona parte dei proventi dalle multe sono vincolati per legge. Una grossa cifra deve essere destinata dalla municipalità agli interventi per la sicurezza stradale, e Bologna destina un’altra cifra record a quella voce, oltre 22 milioni di euro. Nel dettaglio, la gestione dei servizi di illuminazione cuberà 5.426.512,30 euro, mentre alla segnaletica stradale e alla relativa manutenzione sono promessi 2.258.478,55 euro. Grande importanza è data complessivamente anche alla ‘Manutenzione ordinaria viabilità’, che da sola cuba 2.634.969,88 euro. La segnaletica stradale invece vede alcune voci scorporate, come la gestione degli impianti semaforici, alla quale vengono destinati 832.002,36 euro.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro