Nel centrodestra la spunta Riccioni: "La mia lista sarà civica e aperta"

Il presidente della locale delegazione Ascom ha incassato il sostegno di FdI, Forza Italia e Lega "Vorremmo risalire la china imboccata dal Comune, che si è allontanato dal suo passato importante".

Nel centrodestra la spunta Riccioni: "La mia lista sarà civica e aperta"

Nel centrodestra la spunta Riccioni: "La mia lista sarà civica e aperta"

Le novità elettorali a Lizzano in Belvedere non sono ancora finite. Dopo le candidature di Sergio Polmonari, sindaco uscente, e Barbara Franchi, consigliera comunale, entrambi tesserati Pd, è il centrodestra a uscire allo scoperto. Diego Baccilieri, delegato provinciale di Fratelli d’Italia e Marta Evangelisti, consigliera regionale dello stesso partito, dichiarano: "Fratelli d’Italia è pronto a sostenere, confidando nel supporto degli alleati, una lista civica guidata di Giuliano Riccioni, persona di grande esperienza, molto apprezzata sul territorio". Giuliano Riccioni, pensionato, 78 anni di età, è nato e risiede a Lizzano in Belvedere dove da anni è presidente della locale delegazione Ascom. Sul suo nome la convergenza è ampia.

"Siamo molto lieti di sostenere Riccioni – esordisce Morris Battistini, vice coordinatore provinciale di Forza Italia – una persona conosciuta e coerente con i valori in cui crede la nostra comunità politica". Più articolata, ma leale ai vincoli di coalizione, la posizione della Lega. "Inizialmente il mio partito aveva proposto una giovane trentenne lizzanese che si era generosamente messa a disposizione del proprio territorio – racconta Cristiano Di Martino, segretario bolognese del Carroccio – ma, si sa, le discussioni politiche iniziano in un modo per poi finire in un altro. Voglio pubblicamente ringraziare questa giovane di cui, per correttezza, non faccio il nome: il suo slancio non è passato inosservato. Sosterremo con lealtà Giuliano Riccioni, persona stimata e benvoluta dai cittadini di Lizzano".

Interpellato, il neo candidato sindaco ha dichiarato: "Sono grato ai diversi schieramenti che sosterranno la mia lista che sarà civica, aperta ai contributi più vari e indipendenti dall’appartenenza politica. Sono convinto che il sindaco, da solo, possa fare ben poco senza il sostegno coeso di tutta la popolazione. Insieme vorremmo risalire la china che già da molto tempo ha imboccato Lizzano, allontanandosi dal proprio passato importante".

Nella tornata del 2019, alle elezioni comunali di Lizzano in Belvedere, si era presentata una sola lista, Montagna nel cuore, raccogliendo 1033 preferenze sui 1250 votanti, con un’affluenza pari al 65,8% degli aventi diritto al voto. Una situazione di unitarietà molto distante dal presente, in cui a contendersi il posto da sindaco nel comune montano saranno, a questo punto, almeno tre candidati, due dei quali amministratori dell’ultimo quinquennio.

Fabio Marchioni

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro