Nido Lunetta pieno di calcinacci dopo il cantiere: pulizie extra

Il Nido Lunetta Gamberini a Bologna riaprirà venerdì 8 settembre, dopo che l'impresa ha sostituito gli infissi e una squadra specializzata ha effettuato la maxi pulizia. Il personale sta lavorando per garantire una buona accoglienza ai bambini.

Nido Lunetta pieno di calcinacci dopo il cantiere: pulizie extra

Nido Lunetta pieno di calcinacci dopo il cantiere: pulizie extra

Quando alle 7,30 hanno aperto il nido Lunetta, dade, dadi ed educatrici si sono trovati davanti una situazione surreale: calcinacci e polvere ovunque, cavi sparsi sul pavimento, addirittura i vecchi infissi accatastati da una parte e materiali da cantiere qua e là. In effetti al nido dentro il parco Lunetta Gamberini quest’estate è stato aperto un cantiere per sostituire gli infissi.

Subito è partita la segnalazione alla pedagogista e intanto le ramazze si sono messe in azione. Poco però potevano fare vista la situazione, tant’è che il Comune ha rispedito l’impresa a ‘chiudere’ il cantiere (avverrà lunedì) e martedì ne manderà una specializzata per la maxi pulizia. Dade ed educatrici risistemeranno poi il nido in tempo per la riapertura di venerdì 8 settembre.

Nel frattempo però – raccontano dade extra Lunetta, contattate da colleghe – una certa irritazione serpeggiava. Un quadro cui fa da contraltare la situazione stile "qui siamo messi peggio" del nido Zucchelli in via Ca’ Bianca dove, come al Lunetta, quest’estate sono stati sostituti gli infissi. Cantieri e rientro del personale (l’anno scolastico parte in modo burocratico l’1 settembre) un po’ in salita. Dal canto suo l’assessore alla Scuola Daniele Ara è perplesso: "Nessun allarme, anzi sono un po’ stupito sia uscita una notizia del genere. Si tratta di un edificio ancora chiuso, in cui stiamo lavorando proprio perché sia perfetto per accogliere i bambini quando riaprirà". E ricorda: "È stato fatto un lavoro importante di efficientamento energetico, a beneficio della comunità scolastica. Ora il personale sta lavorando proprio perché l’anno scolastico possa partire nel migliore dei modi".

f. g. s.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro