Porta in classe una pistola e spara dalla finestra

Nei guai un 13enne segnalato al Tribunale dei Minorenni: l’arma era ad aria compressa. Un professore è stato minacciato

Porta in classe una pistola e spara dalla finestra

Porta in classe una pistola e spara dalla finestra

Entra a scuola con una pistola (ad aria compressa) ed esplode alcuni colpi da una finestra dell’istituto, scatenando il panico tra i compagni di classe.

Protagonista di questa vicenda un 13enne, ora segnalato alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna, ma non perseguibile, vista la giovanissima età.

I fatti sono avvenuti nella mattinata di mercoledì nella scuola media di Pianoro dove sono intervenuti i carabinieri della locale stazione. Erano da poco passate le 10.30. Ad avvisare le forze dell’ordine, tramite il 112, è stata la stessa dirigente scolastica. Stando a quanto raccontato, infatti, poco prima della chiamata ai carabinieri, il 13enne, che era in classe con i compagni, avrebbe tirato fuori dallo zainetto, con l’intento di mostrarla agli amichetti, una pistola ad aria compressa, senza il tappo rosso, con il caricatore inserito e alcuni pallini in plastica. Quando sono arrivati i militari uno dei docenti ha raccontato che durante la lezione il 13enne aveva tirato fuori questa pistola ad aria compressa metalizzata. Alla vista dell’arma l’insegnante ha subito chiesto allo studente di consegnargli la pistola, con tanto di custodia, di modo da poterla poi dare alla preside alla fine della mattinata di lezioni.

Il 13enne che all’inizio si è mostrato collaborativo consegnando la pistola al professore ha, poi, cambiato atteggiamento in modo repentino spaventando prof e alunni. Quando ha infatti capito che il professore stava andando in presidenza, il ragazzino è messo davanti alla porta dell’aula, con fare aggressivo, per far sì che il docente non potesse uscire facendo anche in modo che gli venisse restituita la pistola ad aria compressa, successivamente poi sequestrata.

I carabinieri giunti sul posto hanno ascoltato il professore e la dirigente. E proprio quest’ultima ha riferito ai militari che il 13enne, stando a quanto riferito da alcuni altri studenti spaventati, aveva esploso alcuni colpi fuori dalla finestra dell’istituto per poi mostrare alla classe anche un coltellino che portava sempre con sè.

La pistola è stata sequestrata dai carabinieri e il giovane è stato segnalato alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni per porto di armi od oggetti atti ad offendere. Anche la sua famiglia, ovviamente, è stata avvisata dell’accaduto.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro