La Virtus torna a sorridere e strapazza Varese: 115-84

Al PalaDozza, tutto facile per la formazione di Luca Banchi. Top scorer Marco Belinelli a quota 23

Marco Belinelli, autore di 23 punti contro Varese

Marco Belinelli, autore di 23 punti contro Varese

Bologna, 8 ottobre 2023 – E’ una Virtus da 115 e lode quella si lascia alle spalle l’amarezza della sconfitta di Eurolega con lo Zalgiris, e torna a vincere battendo, nella seconda giornata di campionato, esordio casalingo in Serie A, Varese per 115-84 in un caldissimo PalaDozza.

Tutto facile per la formazione di Luca Banchi che parte bene, accelera già nel finale di primo quarto, allunga definitivamente nel secondo parziale e poi controlla senza affanni dopo il riposo conquistando i due punti. Banchi ha avuto il merito di coinvolgere tutti i suoi elementi, ruotando e mandando a segno tutti i suoi 12 effettivi e ottenendo da tutti i propri elementi punti, rimbalzi e assist, con 7 giocatori che chiudono in doppia cifra e Dunston che finisce la sua ottima prova a 9.

Dopo le fatiche di EuroLega, coach Banchi lancia un quintetto tutto nuovo con Hackett e Cordinier, insieme a Dobric, Polonara e Cacok, cercando forze fresche e alternative dal suo roster. In campo la Virtus mette tanta energia, ma commette anche tanti errori, segno di una squadra che deve ancora conoscersi, e in effetti quando entrano in campo due elementi di esperienza come Dunston e Belinelli, la Virtus cambia marcia e infila un parziale di 9-0 che la lancia avanti 21-13 al 6’.

Un’ovazione del PalaDozza accoglie in campo al 7’ Lundberg che dopo tutte le vicessitudini di inizio stagione è al suo esordio stagionale con la maglia bianconera. Al suo primo tiro, canestro messo a segno, oltre agli applausi del pubblico si alza dalla sedia anche patron Massimo Zanetti per festeggiare. La Virtus vola doppia gli avversari sul 26-13.

Il divario si allarga ancora di più ad inizio ripresa, con i bianconeri che infilano un nuovo break di 10-0 e si portando avanti 45-26 al 15’.  Va tutto bene in casa bianconera con Lundberg 7 punti in 6’ che sembra essere sempre stato in campo, Pajola che segna anche dalla lunga distanza e anche Polonara che trova con continuità la via del canestro. I bianconeri sono un’orchestra perfetta dove ognuno segue alla perfezione il proprio spartito e con Banchi ottimo direttore di orchestra.

Varese ha solo qualche sprazzo offensivo, sfruttando il suo tiro dalla lunga distanza. Nel finale di primo tempo arriva anche il momento di vedere in campo, per qualche secondo anche Mascolo anch’egli al suo esordio in campionato. La Virtus chiude i primi 20’ a quota 58 punti segnati. Nella terza frazione di gioco il copione continua ad essere lo stesso, con Varese che però ad inizio di quarta frazione prova a risalire fino a -12 sul 88-76 al 33’.

Banchi chiama tempo, riordina le idee dei suoi che con Belinelli e Mickey, sicuramente i migliori tra i bianconeri chiudono la sfida e permetto alla Virtus di superare abbondantemente quota 100. Top-scorer di serata un incontenibile Marco Belinelli che chiude la sua prova a quota 23 punti, ma ci sono stati applausi per tutti e in particolare per Iffe Lundberg.  

Il tabellino

VIRTUS BOLOGNA 115 VARESE 84

SEGAFREDO BOLOGNA: Hackett 2, Cordinier 11, Dobric 10, Polonara 10, Cacok 3; Lundberg 11, Belinelli 23, Pajola 16, Mascolo 2, Mickey 16, Dunston 9, Abass 2. All. Banchi.

OPENJOB METIS VARESE: Moretti 13, Hanlan 22, Mc Dermott 12, Brown 9, Cauley-Stein 6; Shahid 13, Ulaneo 2, Woldetensae 4, Librizzi, Virginio 3. All. Bialaszewski.

Arbitri: Sahin, Perciavalle, Catani. Note: parziali 33-22, 58-39, 81-67. Tiri da due: Virtus 31/55; Varese 13/35. Tiri da tre: 12/31; 16/39. Tiri liberi: 17/19; 10/12. Rimbalzi: 51; 36.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro

Continua a leggere tutte le notizie di sport su