Auto sì o auto no, il dilemma di piazza Gori

A molti cittadini piacerebbe pedonalizzarla, abitanti e negozianti invece la vorrebbero con più posti

Auto sì o auto no, il dilemma di piazza Gori

Auto sì o auto no, il dilemma di piazza Gori

di Ermanno Pasolini

"Ci piacerebbe piazza Gori pedonalizzata, senza auto". L’originale richiesta è stata fatta per la prima volta a Stefania Morara assessora ai lavori pubblici di Savignano da diversi residenti che abitano in case che si affacciano sulla piazza. Richieste che però stridono con quelle di altri abitanti e soprattutto di titolari di esercizi pubblici che hanno le attività sulla piazza o nei vicoli circostanti del centro storico che chiedono più posti ridisegnando gli stalli per auto.

Inaugurata il 27 luglio 2013, dopo essere stata ristrutturata perché fatiscente, piazza Gori da dieci anni è oggetto di polemiche, diatribe e litigi fra titolari di esercizi pubblici ubicati nelle vicinanze e i residenti, contro il Comune. Motivo del contendere è che la nuova piazza ha visto ridurre i posti auto dai 32 ai 16 di oggi. Piazza Gori rientra nel compendio dell’antico Castello di Savignano. Costo dell’intervento fu di 570mila euro. In piazza Gori c’è la sosta consentita di un’ora con disco orario dalle 8 alle 12 e dalle 14 alle 20. Ma il problema nasce di sera con i residenti che non hanno posto per parcheggiare le auto e spesso ci sono liti in quanto molti lasciano le auto anche al centro della piazza, in fila indiana, per cui chi ha l’auto parcheggiata negli stalli verticali fatica a uscire. Da dieci anni residenti e proprietari di attività chiedono che vengano modificati i posti auto da orizzontali e perpendicolari, a spina di pesce, al centro della piazza. Risolverebbero due problemi: riporterebbero a 32 i posti auto e non lascerebbero spazio a chi parcheggia al centro della piazza.

Sulla vicenda interviene Stefania Morara assessora ai lavori pubblici del comune di Savignano: "Confermo che diversi cittadini mi hanno chiesto di fare piazza Gori isola pedonale, senza auto. Altri invece continuano a chiedere di raddoppiare i posti, perchè avendo le attività vicine, i clienti sono costretti a parcheggiare le auto davanti alle attività che si affacciano sulla via Emilia come l’autofficina Ricci e la farmacia Mercuriali. Attualmente siamo impegnati a rifare gli storici vicoli di Savignano. Un lavoro corposo, con grossi scavi per rifare tutti i sottoservizi. Alcuni vicoli sono già terminati, riportati all’antico splendore e per gli altri contiamo di finire entro ottobre o entro la fine dell’anno. Visto che piazza Gori confina con diversi storici vicoli in fase di rifacimento ho chiesto ai tecnici progettisti di valutare soluzioni alternative anche per la sosta con le proposte che dovrebbero arrivare entro la fine dell’anno, spero con buona pace di tutti".