Don Vanni festeggia i 50 anni di sacerdozio

Monsignor Tani sabato ha celebrato una messa nella sua Sogliano al Rubicone: "Il ritorno a casa è sempre piacevole"

Don Vanni festeggia i 50 anni di sacerdozio
Don Vanni festeggia i 50 anni di sacerdozio

Festa dei 50 anni di sacerdozio per monsignore Giovanni Tani (don Vanni per tutti), 76 anni, nominato nel 2011 arcivescono di Urbino, Urbania e Sant’Angelo di Vado da parte di Papa Benedetto XVI. Sabato l’arcivescovo ha celebrato la messa del 50° nella chiesa parrocchiale di San Lorenzo di Sogliano al Rubicone e poi c’è stato un momento di festa e di incontro con i suoi concittadini, organizzato dalla Pro Loco. A fare festa con monsignore Giovanni Tani c’erano il parroco di Sogliano don Stefano Bellavista, la sindaca Tania Bocchini, assessori e consiglieri comunali insieme ai soglianesi e una decina di uomini della Protezione Civile di Morro D’Oro in privincia di Teramo. Tani nasce a Sogliano al Rubicone nell’aprile 1947 e nel paese collinare frequenta le scuole elementari. Poi entra in seminario a Rimini, continua gli studi nel Seminario Maggiore di Roma, diventa sacerdote il 29 dicembre 1973 celebra la prima messa nella chiesa parrocchiale di Sogliano il 30 dicembre 1973 e proprio nel seminario riminese riveste l’incarico di padre spirituale fino al 1985. Viene trasferito a Roma ed è padre spirituale del Pontificio Seminario Romano Maggiore fino al 1999 quando riceve la nomina di parroco della parrocchia di Nostra Signora di Lourdes a Tormarancia. Nel 2003 è nominato rettore del Pontificio Seminario Romano Maggiore e vescovo nel 2011. Monsignore Giovanni Tani è sempre stato molto legato a Sogliano al Rubicone, il centro collinare che ha dato i natali a tanti personaggi noti, fra i quali monsignore Pietro Sambi il vescovo soglianese scomparso il 27 luglio 2011.

A Sogliano Tani, torna spesso a trovare la sua famiglia, il fratello Paolo e i suoi amici. Ha una sorella, Piera, che dopo essere diventata medico, ha preso i voti di suora carmelitana scalza diventando suor Maria Chiara ed è a Tolentino e un’altra sorella Antonella che abita a Santarcangelo. Oggi il vescovo Giovanni Tani vive a Roma a disposizione per conferenze per portare la Parola di Gesù ovunque. Ultimamente è stato anche in Bulgaria. Ha detto nell’omelia durante la messa del 50° a Sogliano al Rubicone: "Questa circostanza mi fa venire in mente tante cose, le mie radici, la mia famiglia, gli amici. Poi sono stati undici anni in seminario. Il ritorno a casa è sempre piacevole. Indosso gli stessi abiti che mi furono regalati 50 anni fa dall’amico Cafiero. Poi sono diventato vescovo. Sono stati 50 anni in cui mi ha sempre accompagnato da vicino e in maniera molto forte la Grazia del Signore. Tante persone amiche ho incontrato qui lungo il cammino di tutta la mia vita. Voi siete stati e siete molto importanti per me, per la mia crescita. Gli anni del sacerdozio sono stati belli, anche se a volte impegnativi. In me c’è sempre stata una gratitudine per quello che il Signore mi ha dato. Ho sempre vissuto e vivo insieme ad altri sacerdoti, anche oggi a Roma".