Donnarumma vola e ha i piedi fatati. Prestia gigante, difesa di ferro

In mezzo al campo bene l’inedita coppia formata da Saber e Francesconi. Grande assist di Piacentini.

Donnarumma vola e ha i piedi fatati. Prestia gigante, difesa di ferro
Donnarumma vola e ha i piedi fatati. Prestia gigante, difesa di ferro

Pisseri 6,5. Nel primo tempo è spettatore non pagante, sporca i guantoni dopo mezzora e poi trascorre una tranquilla serata in riviera. Finchè Morra lo sveglia a un quarto dalla fine e lui guadagna la pagnotta deviando in tuffo.

Pieraccini 6,5. Questo ragazzo ha sicuramente falsificato i documenti, moccioso impeccabile ed autorevole come un matusalemme incallito, incapace neppure volendo di macchiarsi della minima sbavatura.

Prestia 7. Che noia per il primo ministro della difesa, qualche colpo di testa, un paio di interventi in attacco e nulla più. Finalmente entra Morra e lui comincia a divertirsi, gigante come al solito.

Piacentini 6,5. Suo il tocco di sponda per il gol di Shpendi, è la risorsa che tutti gli allenatori vorrebbero avere, silenzioso e prontissimo a dare una mano. Niente ruggine, gioca come un qualsiasi titolare, senza fronzoli.

Adamo 7,5. Implacabile trottolino, affetta la fascia destra biancorossa con le sue finte cui gli avversari rispondono con l’efficacia dei paganelli. E poi il gol che schioda il match e una prestazione da serie superiore. (78’ Pierozzi 6. A partita ormai consolidata offre solo freschezza).

Francesconi 6,5. Cambia il cavaliere cui fare da fidato scudiero, ma non il risultato. Alza la tradizionale barriera contro cui s’infrange la tiepida onda riminese.

Saber 6,5. Mica una responsabilità da poco non far rimpiangere De Rose. Ci riesce benissimo dosando furbizia e abnegazione almeno fino ai crampi. (81’ Chiarello ng).

Donnarumma 7,5. Due gioielli impagabili, cross per Adamo, gol, cross per Piacentini e gol di Shpendi. Poi si mette in proprio e tenta la botta personale, Colombi e la traversa gli dicono niet. Devastante.

Berti 6,5. Corre e rincorre per tutto il match senza perdere l’innata lucidità, le sue triangolazioni sono rasoiate spavalde che spaventano i riminesi.

Shpendi 7. E fanno 15, cinico e spietato come un aspide, da grande opportunista in area. I biancorossi usano le cattive per tenerlo fino a rischiare il rigore. Il gemello doveva stramazzare a terra, serve malizia.

Corazza 6,5. Un oscuro, duro lavoro a impensierire e tenere bassa la difesa riminese, con tanta fatica e poca soddisfazione. (78’ Ogunseye 6. Tocca pochi palloni, sportella e si sacrifica).

Daniele Zandoli