Il Cesena del futuro: cosa può cambiare. Mister Toscano corteggiato dal Südtirol

Tra le ambizioni del club c’è quella di riunire i gemelli Shpendi. Lo ’zoccolo duro’ resta, punto interrogativo per Adamo e Pisseri

Il Cesena del futuro: cosa può cambiare. Mister Toscano corteggiato dal Südtirol

Tra le ambizioni del club c’è quella di riunire i gemelli Shpendi. Lo ’zoccolo duro’ resta, punto interrogativo per Adamo e Pisseri

Stagione agonistica ancora da chiudere, mancano quattro partite all’epilogo e Domenico Toscano ha assicurato impegno e determinazione fino all’ultimo minuto della gara con il Perugia del 28 aprile, ma Fabio artico è già al lavoro per disegnare il Cavalluccio che affronterà il prossimo campionato di B.

In realtà Il taccuino del direttore sportivo bianconero ha cominciato a riempirsi di appunti già da qualche settimana, per le decisioni finali si avvarrà poi sempre più del consiglio del responsabile dell’area scouting Omar Milanetto. Torneo cadetto che impone di alzare il tasso di tecnica e fisicità della rosa e per questo sono previsti almeno sette o otto innesti di categoria.

Verrà salvaguardato uno zoccolo duro formato da elementi che possono dare garanzie di rendimento anche ai piani superiori e che preservino i valori di uno spogliatoio che sono stati l’arma in più in questa stagione. Dovrebbero far parte di questo gruppo di fedelissimi i cugini Giuseppe Prestia e Luigi Silvestri, oltre ad Andrea Ciofi, Alessandro Siano, Ciccio De Rose e Daniele Donnarumma.

L’intenzione, inoltre, è trattenere i giovani che hanno collezionato più presenze e sono stati a tutti gli effetti protagonisti della cavalcata vincente: Simone Pieraccini, Matteo Francesconi, Tommaso Berti, Antonio David e Cristian Shpendi.

Quest’ultimo ha richieste anche da club di A, l’Empoli avrebbe già in tasca un’opzione, ma ci sarebbe l’interesse anche di Fiorentina, Sassuolo e Lecce. L’idea però è farlo rimanere in Romagna almeno un altro anno, magari riformando la coppia con il gemello Stiven, ottenendo il prestito di quest’ultimo dall’Empoli.

Da chi resta a chi invece potrebbe svestire il bianconero e trovare sistemazione altrove. Matteo Piacentini, Roberto Ogunseye, Riccardo Chiarello, Luca Coccolo e Giovanni Nannelli dovrebbero essere tra questi, visto anche l’impiego non massiccio quest’anno.

Punto interrogativo però anche per alcuni protagonisti della risalita in B come Emanuele Adamo, Simone Corazza, Matteo Pisseri, Hraiech Saber, Augustus Kargbo, Ivan Varone ed Edoardo Pierozzi. L’autore della rete che ha garantito la promozione è in prestito con diritto di riscatto dalla Fiorentina, riscatto che il Cesena però potrebbe non esercitare.

Il primo nodo da sciogliere però rimane quello dell’allenatore. Per Domenico Toscano è scattato il rinnovo fino al giugno 2025, la certezza della sua permanenza è comunque subordinata a un incontro con la società per stabilire i piani futuri.

Probabile che la sua richiesta sia quella di un biennale, oltre a garanzie tecniche sulla costruzione della squadra. Sul piatto della bilancia pesa molto anche il legame che si è creato con società e tifosi che lo spingerebbe a dare continuità all’avventura in riva al Savio. Togliersi poi la nomea di allenatore vincente in C ma meno efficace in cadetteria è una sfida che lo alletta.

Dall’altra parte spingono però le avances di società come Triestina - gli alabardati avrebbero pronto un triennale sostanzioso per lui - Padova e Benevento, che sognano il ritorno in B, ma anche il Südtirol avrebbe fatto un sondaggio. In caso di divorzio con Toscano un nome caldo sarebbe quello di Moreno Longo, con Artico ad Alessandria ed ex anche di Como, Torino e Frosinone.