Settecento espositori per la Mostrascambio

Sabato e domenica nel cuore della città appuntamento con la storica rassegna giunta alla 67^ edizione. Attese 30mila persone

Settecento espositori per la Mostrascambio

Settecento espositori per la Mostrascambio

di Vincenzo D’Altri

A Gambettola è in arrivo la 67ª edizione della Mostrascambio. La cittadina è rinomata come capitale del ferrovecchio e dei pezzi di ricambio per autoveicoli, infatti sul suo territorio sono moltissime le aziende che si dedicano a tali attività. Nel 1988, per iniziativa di Gaetano Vitobello, nacque la prima edizione della Mostrascambio di auto e moto d’epoca e cose del passato, fu subito un successo e negli ultimi 20 anni la manifestazione è andata sempre in crescendo e oggi ha un posto di rilievo fra le più importanti rassegne italiane del settore.

Ogni anno si svolgono sempre due edizioni della Mostrascambio, una in maggio e l’altra in settembre, e in passato solo la pandemia fermò tre volte la manifestazione. La prossima edizione è in in calendario per sabato e domenica. I presupposti ci sono già tutti per il successo, sono infatti già stati tutti assegnati gli 800 stalli ricavati sulle strade del centro, per un totale di quattro chilometri, e che per due giorni saranno tutti occupati da settecento espositori provenienti da varie parti d’Italia ed anche dall’estero.

Fra loro ci sono tantissimi collezionisti di auto e moto d’epoca e altri sono esperti di antiquariato di vario genere; in strada ci saranno anche alcuni straccivendoli locali che esporranno i pezzi più belli ed originali che hanno raccolto nei loro giri per le strade della Romagna.

Le edizioni del passato hanno sempre dato vita a buoni affari sia per gli espositori che per i visitatori e questi ultimi possono portare a casa l’oggetto desiderato che ricorda il passato. Alla Mostrascambio anche i bambini hanno il loro spazio visto che mettono in vendita giochi, figurine ed anche oggetti del babbo e della mamma. Il Lions Club del Rubicone sarà presente con un suo banco carico di oggetti raccolti dalle famiglie degli stessi soci come tazzine, bicchieri, occhiali, borse, strumenti da lavoro, orologi, monete e apparecchi radio.

Nei due giorni della Mostrascambio quasi tutte le strade del centro saranno occupate dai banchi degli espositori e in ogni angolo ci saranno oggetti e cose del passato. Inevitabili piccoli disagi per i residenti, come dover lasciare l’auto un po’ lontano da casa, ma va sottolineato anche un aspetto molto positivo: il gran lavoro che fanno gli esercizi del centro, soprattutto bar, pizzerie e gelaterie per migliaia di clienti, dato che nei due giorni della manifestazione si prevede, salvo meteo inclemente, l’arrivo a Gambettola di oltre 30 mila visitatori. Domenica mattina partirà da piazza Foro Boario il ’Zeir de Bosch’ giro di auto d’epoca sulle colline.