Turismo e natura. Ecco la nuova rete sentieristica

Venticinque chilometri tra Fiumicino e Ribano. Bonaccini: "Un modello esperienziale vincente".

Turismo e natura. Ecco la nuova rete sentieristica

Il taglio del nastro a Savignano sul Rubicone alla presenza anche di Bonaccini

Tratturi, strade bianche, sentieri, per un totale di 25 chilometri di percorsi che si snodano tra Fiumicino e Ribano. È la nuova rete sentieristica delle Terre del Rubicone inaugurata ieri a Savignano sul Rubicone alla presenza del sindaco Filippo Giovannini, del vicesindaco Nicola Dellapasqua con la giunta comunale e del presidente della Regione Stefano Bonaccini.

Una camminata comunitaria ha preceduto il taglio del nastro, guidata da Marco Ceccaroni, guida ambientale escursionistica di Caveja Trek, insieme al Cai di Cesena.

La nuova rete sentieristica di Savignano sul Rubicone denominata Sentieri nelle Terre del Rubicone nasce proprio con l’obiettivo di promuovere la conoscenza dell’entroterra a passo lento. I percorsi possono essere intrapresi a piedi, in Mtb e a cavallo. Il progetto è stato ideato e realizzato dalla ditta cartografica Monti Editore che ha mappato i nuovi percorsi e successivamente li ha contrassegnati con il bianco e rosso, con la certificazione del Cai di Cesena, e installato dieci pali con i rispettivi segnavia direzionali. Inoltre sono stati messi in opera otto pannelli didattici con illustrazioni che raccontano il territorio circostante.

"Questi sentieri si connettono direttamente con i nuovi Sentieri per l’Uso e quindi attraverso il collegamento con Villa Torlonia e con i nuovi sentieri del Comune di Longiano – dice la guida Marco Ceccaroni –. Da oggi è possibile dalla foce dell’Uso a Bellaria collegarsi direttamente con l’entroterra collinare romagnolo, una offerta unica per la promozione turistica del nostro territorio".

"Da oggi chi percorre la riva del Rubicone o la collina verso Ribano o le campagne dalle parti di Fiumicino potrà contare su compagni di viaggio affidabili, sicuri e arricchenti – aggiunge il sindaco Filippo Giovannini –. Sono orgoglioso di consegnare ai nostri cittadini un utilizzo più nostro delle bellezze naturalistiche delle Terre del Rubicone".

"Con questa nuova rete sentieristica, l’offerta turistica e culturale della riviera romagnola si arricchisce ancora di più, a conferma della vivacità di un territorio che non si è mai fermato, pur colpito un anno fa dalla devastante alluvione di maggio" ha commentato il presidente Bonaccini.

"Questo è un ottimo esempio di quel modello di turismo esperienziale che chi visita l’Emilia-Romagna cerca sempre di più e che come Regione stiamo incentivando, come dimostrano i numeri record del 2023: quasi 62 milioni di arrivi, un numero mai riscontrato prima" ha concluso.

Ermanno Pasolini