Vasco Rossi al Modena Park
Vasco Rossi al Modena Park

Modena, 2 agosto 2017 - Vasco Rossi attaccato dagli hacker: violati i file privati e diffusi online almeno cinque brani inediti.

La notizia arriva come un fulmine a ciel sereno a un mese esatto dallo storico “Modena Park”, ma in un momento già alquanto difficile per il rocker che proprio in queste ore piange la scomparsa del fidato amico e produttore Guido Elmi.

MODENA PARK: rivivi tutte le emozioni di una serata indimenticabile

Sul caso è in corso una indagine. Ed è serrata la caccia ai pirati responsabili del grave danno economico e commerciale. Ma intanto le canzoni, di smartphone in smartphone, si stanno velocemente diffondendo tra i fan e a questo punto pare davvero complicato, se non impossibile, arginare il fiume in piena. A confermare la notizia del furto digitale è lo stesso entourage del Kom.

Non solo. ‘Il Blasco fan club’ ha messo in guardia delle conseguenze penali coloro (numerosi) che sono entrati in possesso del materiale: “È recentemente emerso che tra i fan circolano file che conterrebbero tracce di brani inediti interpretati da Vasco“. Per questa ragione, “teniamo ad informare che si tratta di file sottratti ai legittimi proprietari in modo illecito“. E che, pertanto, potrebbero “essere oggetto di una condotta criminosa in relazione alla quale ci si riserva di agire presso le opportune sedi penali“. Alla luce di ciò, si ricorda che «la detenzione di tali file da parte vostra può configurare, tra gli altri, il delitto di ricettazione“.

In conclusione, il severo monito ai fan: “Vi chiediamo di cessare immediatamente ogni ulteriore scambio e/o trasferimento di file di provenienza illecita, ammonendovi fin d’ora che le condotte lesive saranno perseguite senza ulteriori ammonimenti. Sulla vicenda c’è una indagine in corso. Quindi non si tratta solo di avere una copia senza aver pagato i diritti Siae...“.

La rivelazione della diffusione dei brani pare non essere però stata una novità assoluta per tanti fan. E tra chi rivela di essere entrato in possesso nel recente passato di “Come nelle favole” ben prima della pubblicazione e chi sollecita a prendersela «con i responsabili del colpo e non con i pesci piccoli», spuntano anche coloro che confermano di aver già ascoltato almeno cinque inediti. Addirittura emergono nei dettagli quelli che sarebbero i titoli, le musiche e i singoli testi. Molto apprezzato è il brano “La verità”.

E se il mistero è fitto sul furto, lo è altrettanto sul versante della pubblicazione. Non è affatto scontato che le canzoni apparse siano infatti destinate a far parte del nuovo cd del rocker. Anzi, proprio dall’entourage si affrettano a smentire questa ipotesi sottolineando che Vasco in questo periodo non sta registrando nulla. E, dunque, i brani farebbero semplicemente parte di un vasto repertorio che il Kom custodisce nel cassetto. Cassetto che qualcuno è però riuscito ad aprire per poi diffonderne il contenuto. In questo momento le indagini si concentrano sui modi e i tempi, per cercare di arrivare poi al responsabile. Ma non sarà facile.

VASCOCONCERTOFOTO_23841891_213514

Una cosa è comunque certa. Colpi di questo tipo sono già stati messi a segno ai danni delle più grandi star della musica, da Madonna a Michael Jackson passando per U2 e Rihanna. Ed ora anche Vasco Rossi può almeno ‘vantarsi’ di essere entrato nel gotha degli artisti internazionali che hanno - loro malgrado - visto le canzoni (fino ad allora) inedite apparire misteriosamente nel grande oceano del web.