Abiuso, avanti insieme: "Io, dalla curva al campo"

La punta a segno due volte negli ultimi quattro match si lega ai gialli fino al 2026 "Quando ho fatto gol al Parma ho visto subito i miei amici fra gli altri tifosi".

Abiuso, avanti insieme: "Io, dalla curva al campo"
Abiuso, avanti insieme: "Io, dalla curva al campo"

Sembrava essere uno di quelli che nel mercato di gennaio potevano avere la valigia in mano, e invece Fabio Abiuso è rimasto in canarino e, dopo le due reti segnate nelle ultime quattro gare, di cui due da titolare, è arrivato quel prolungamento del contratto che lo legherà al Modena fino al 30 giugno 2026. Una bella storia quella del centravanti sassolese, arrivato a 15 anni, nel 2018, nel settore giovanile gialloblu. Nel novembre 2020 l’esordio in prima squadra in Serie C, prima del passaggio alla Primevera dell’Inter nel gennaio successivo: nella stagione e mezzo in nerazzurro anche tanti allenamenti ad Appiano Gentile con la prima squadra. Rientrato a Modena nel 2022, il trasferimento e la buona stagione alla Pergolettese, e di nuovo in canarino da quest’estate.

Tre le sue reti sinora in B, la prima proprio a Cosenza, contro la squadra che sfiderà il Modena al Braglia sabato prossimo. Abiuso parla delle sensazioni provate in questa giornata in cui ha messo la firma sul prolungamento del contratto: "Oggi per me è un’emozione unica, sono molto contento di questo rinnovo. Vorrei ringraziare la famiglia Rivetti, il direttore Vaira, tutto lo staff, oggi per me è una giornata felice". Il giovane attaccante ripercorre poi le sue tappe all’ombra della Ghilandina: "Sono arrivato che ero un ragazzino, poi l’emozione dell’esordio in prima squadra. Ci sono state poi parentesi lontano da Modena come la Primavera nerazzurra e la Pergolettese che mi hanno aiutato a crescere, ora sono di nuovo qui e voglio lavorare tanto per togliermi altre soddisfazioni con questa maglia". Sinora un buon campionato alla corte di Paolo Bianco, anche se col piccolo neo di quel rosso rimediato nel match di andata con la Samp: "Anche questo episodio negativo mi ha insegnato tantissime cose. Ci sono stato male parecchio, anche perchè non è un atteggiamento che mi appartiene, mi servirà come insegnamento".

Inevitabile chiedere ad Abiuso di come, da grande tifoso del Modena, sia passato dalla curva Montagnani al campo: "Ho coronato un sogno. Quando ho segnato sotto la curva contro il Parma ho visto subito i miei amici con cui andavo di solito a vedere la partita ed incrociare i loro sguardi e quelli di tanta altra gente con cui andavo allo stadio. E ora non devo fermarmi, devo continuare ad avere questa fame di reti". Sabato il Cosenza, all’andata un match che ha rappresentato il suo esordio in B con tanto di gol decisivo: "Un’esperienza incredibile in una serata indimenticabile. Il gol, la corsa liberatoria sotto la curva dove c’erano i nostri tifosi, era tanto che aspettavo questa rete".