Dopo il caso ricorsi. La B mostra finalmente una classifica reale. Tutte le squadre a parità di match disputati

Ci sono voluti tre mesi per avere una graduatoria completa. I gialli nelle zone nobili. .

La B mostra finalmente una classifica reale. Tutte le squadre a parità di match disputati
La B mostra finalmente una classifica reale. Tutte le squadre a parità di match disputati

Finalmente. È proprio il caso di dirlo. Dopo oltre tre mesi dall’inizio della stagione, la Serie B finalmente può mostrare una classifica completa, con tutte le venti squadre a quota quattordici partite disputate.

Le arcinote vicende estive, tra ricorsi, Tar, Consiglio di Stato e ripescaggi (a proposito, sarebbe il caso di pensare una soluzione che eviti in futuro situazioni al limite del grottesco), avevano generato giornate ‘monche’ e così, con la disputa ieri sera degli ultimi due recuperi, ora si può guardare la graduatoria con una maggiore cognizione di causa. Si diceva delle due gare giocate ieri, ovvero Sudtirol-Brescia e il derby del Lario tra Como e Lecco. Sono scaturiti due pareggi. Il Brescia, che evidentemente sta traendo beneficio dalla cura Maran, rimontando al Druso con Borrelli la rete iniziale di Tait. Da notare che le rondinelle hanno giocato tutta la ripresa in inferiorità numerica. Il Brescia quindi muove ancora la classifica allungando leggermente sulla zona playout, che si era pericolosamente avvicinata dopo le cinque sconfitte consecutive costate la panchina a Gastaldello- Reti bianche invece al Sinigaglia, dove il Lecco ha giocato una gara ordinata strappando il pari a reti bianche alla squadra di Fabregas senza nemmeno troppi affanni. Il punto consente comunque al Como di raggiungere la Cremonese al terzo posto a quota 25, a cinque lunghezze dalla coppia di testa composta da Venezia e Parma.

Questa quindi la classifica completa dopo quattordici giornate. Parma, Venezia 30; Cremonese, Como 25; Palermo, Catanzaro 24; Modena 23; Cittadella 22; Coxenza 19; Bari 18; Sudtirol, Pisa 17; Sampdoria (-2), Reggiana 16; Brescia 15; Ascoli, Lecco 13; Spezia 10; Ternana 8; Feralpi Salò 7.

Alessandro Bedoni