Modena, un tour de force. Per i gialli solo scontri diretti

Lunedì la squadra al lavoro verso quella che sarà la fase decisiva della stagione .

Modena, un tour de force. Per i gialli solo scontri diretti

Modena, un tour de force. Per i gialli solo scontri diretti

Scontri diretti, scontri diretti ovunque. I più appassionati, probabilmente molto giovani, assoceranno queste iniziali parole ad un celebre ’meme’ del film ’Toy Story’, diventato a dir poco virale sui social. A dare un occhio al calendario del Modena, quasi ci si impersonifica nei due protagonisti della pellicola che, in quel momento, hanno una visione del futuro. Il futuro canarino, anzitutto, dice ripresa dei lavori lunedì.

Negli ultimi giorni della settimana sono stati gestiti i giocatori con più chilometri nelle gambe, come i vari Gerli, Palumbo, Ponsi e diversi altri, per poi ritrovarli da lunedì ricaricati. Il Modena avrà una settimana intera per preparare una partita drammaticamente sportiva per il Bari e dall’alto tasso di tensione per gli uomini di Bianco. Sarà il primo di 8 appuntamenti il cui valore, forse, è ben più alto di quel che si pensi. Quattro trasferte e quattro al Braglia, ma ormai questo dettaglio non ha molta importanza perché i punti vanno fatti ovunque. E, si diceva, almeno 7 di questi 8 incontri somigliano a scontri diretti delicati. Bari, poi la trasferta di Terni e quella di Ascoli del 20 aprile, intervallate dalla serata di gala con il Catanzaro dei miracoli. Tutte formazioni che stanno inseguendo un obiettivo, forse solo i calabresi conoscono perfettamente il loro destino, sapendo che chiuderanno il campionato tra il quarto e il sesto posto. Le altre, beh, vivono nel limbo di chi il futuro ancora non sa bene che tipo di contorni avrà. Lì, il Modena si gioca tutto. O, meglio, si gioca un finale di stagione sereno o, al contrario, drammatico lo sarà anche per i gialli.

Tra pochi giorni, la vittoria con il Parma dello scorso 27 gennaio, risulterà distante due mesi esatti. Troppi. L’unico successo che il 3-5-2 ha saputo portare in dote a Bianco, poi i black-out noti. E così, oltre al raggiungimento dell’obiettivo minimo stagionale, le ultime gare avranno un ulteriore compito non indifferente. Aiutare chi dovrà costruire la squadra della prossima annata sulle scelte da fare in estate. Da queste 8 partite, passa anche il futuro di molti componenti della rosa attuale, non lo si sottovaluti. Potrebbe essere dettaglio stimolante per tanti, per tirar fuori quel qualcosa in più di cui il Modena ha bisogno per ritrovare il sorriso. Fare nomi, ora, non aiuterebbe nessuno. Il Modena sa di dover fare delle valutazioni intorno a tanti profili. Beata pausa, insomma. Per tutti. Prima del rush finale, del rettilineo più importante, quello dell’ultimo giro in pista.