A lezione di solidarietà. Una tonnellata di cibo raccolta da 210 studenti

Il progetto ha coinvolto 12 classi del Marconi. I pacchi al Banco alimentare, poi redistribuiti agli enti caritativi. "Così aiutiamo almeno 100 famiglie".

A lezione di solidarietà. Una tonnellata di cibo raccolta da 210 studenti

A lezione di solidarietà. Una tonnellata di cibo raccolta da 210 studenti

La solidarietà al liceo Scientifico Marconi ha l’aspetto di centinaia di scatoloni pieni di viveri, pronti per entrare nelle case di chi ha bisogno. Il progetto "Vivere solidali" si è concluso ieri mattina con 1100 chili di alimenti raccolti e 210 studenti volontari appartenenti a 12 differenti classi (terze e quarte).

Una collaborazione - quella tra liceo Marconi, la Fondazione Banco Alimentare Marche e Banco di Solidarietà del Centro di Solidarietà di Pesaro – che si è estesa per la sua terza edizione e che fa entrare nel vivo del sostegno ai più bisognosi anche i giovanissimi studenti, con l’obiettivo di affrontare il problema dello spreco alimentare, del suo recupero e della distribuzione del cibo in eccedenza agli indigenti, ottenendo così un triplice beneficio: ambientale, economico e sociale.

"Il cibo raccolto verrà portato nel magazzino del Banco Alimentare di Pesaro, ridistribuendo poi il tutto agli enti caritativi convenzionati del territorio pesarese – sottolinea Silvana Della Fornace, presidente Fondazione Banco Alimentare Marche -. Non è la quantità però quella che ci interessa. Il lavoro con i ragazzi che prosegue da tre anni è importante per il suo valore educativo, i nostri giovani sperimentano con noi l’importanza del dono e l’essere protagonisti di una comunicazione solidale tra compagni e famiglie".

L’iniziativa, cominciata nel gennaio 2024, è arrivata ieri al suo termine dopo tre importanti fasi progettuali: l’incontro in aula con operatori esperti del Banco Alimentare che hanno mostrato ai ragazzi la realtà solidale; la visita al magazzino del Banco Alimentare di Pesaro con le testimonianze dei volontari; la raccolta degli alimenti nelle scuole.

"Il Banco si fa quindi portavoce, assieme alla scuola, della ‘raccolta di cuori’, ovvero, più in generale, del sostegno ai più fragili: un progetto che prosegue anche nei percorsi di alternanza scuola-lavoro all’interno dei magazzini che il Banco Alimentare gestisce – prosegue Della Fornace -. Una stima ci fa dire che quanto raccolto oggi, sarà destinato ad arricchire la tavola di circa 100 famiglie per qualche mese".

A seguire il progetto, sostenuto in prima persona anche dal preside Luca Maria Antoio Testa che ha espresso gratitudine a tutti coloro che hanno partecipato alla raccolta, è stato seguito da undici professori: Daniela Dall’Acqua, Marilena Rossi, Elisa Cerri, Lucia Scavolini, Rossella Chiodini, Lucia D’Angeli, Ivana Scognamiglio, Paola Mazzocchi, Liliana Ricci, Luca Pedini, Francesco Perugini.

"Il progetto nasce tre anni fa - spiega Luca Pedini, professore di religione del liceo Marconi di Pesaro -, e prosegue oggi insegnando ai ragazzi il valore della solidarietà, mettendoli in contatto con realtà locali che quotidianamente si occupano della tematica. I ragazzi e le ragazze che hanno fatto parte del progetto non solo hanno raccolto gli alimenti, ma hanno parlato con i volontari del Banco Alimentare e si sono immersi nel loro mondo, vivendo da protagonisti l’esperenza formativa".