Biosfera come l’Albero della vita. Pesaro ha un nuovo simbolo: ecologico, tecnologico, popolare

La squadra del sindaco presenta l’installazione unica in Europa che sarà inaugurata sabato. Tre obiettivi: esaltare il territorio, il rapporto uomo-ambiente e interagire coi visitatori .

Biosfera come l’Albero della vita. Pesaro ha un nuovo simbolo:  ecologico, tecnologico, popolare

Biosfera come l’Albero della vita. Pesaro ha un nuovo simbolo: ecologico, tecnologico, popolare

Pesaro ha il suo ‘Albero della Vita’. Una sfera composta da 2.5 milioni di led che richiama alla memoria anche il simbolo più significativo della città: la Palla di Pomodoro. Ieri mattina è stata presentata ufficialmente l’installazione della Biosfera, che già da qualche giorno desta curiosità tra i passanti di piazza del Popolo. Un’icona, diventata già il simbolo di Pesaro 2024, nata ispirandosi all’Albero della Vita di Milano, l’emblema dell’Expo 2015. La scelta sferica destinata all’installazione non è casuale: "La sfera – dice Ricci – è un simbolo che torna ripetutamente in città: è nella Palla di Arnaldo Pomodoro, nella Sonosfera®, nella Pizza Rossini, nella ruota della bici che percorre la Bicipolitana e delle moto della nostra Terra di Piloti e Motori. La Biosfera è già un’icona".

L’installazione, che verrà ufficialmente inaugurata sabato alle 18.30 in piazza del Popolo, saprà coinvolgere gli spettatori in un’esperienza multisensoriale ed interattiva e, grazie alla sua tecnologia, sarà in grado di trasmettere dei progetti artistici e culturali che faranno riferimento alle bellezze paesaggistiche della città di Pesaro: dalla natura del verde, rappresentato dal San Bartolo, alle bellezze marine della città, passando per gli elementi storici e caratteristici, fino poi anche a collegarsi via web, e in tempo reale, con le notizie mondiali, riportando così dati e news direttamente nel cuore della città.

"Una sintesi perfetta tra tecnologia, patrimonio e sostenibilità, alla base di ciascuno dei progetti di dossier di Pesaro 2024 – ha sottolineato il vicesindaco Daniele Vimini -. La Biosfera sarà un benvenuto speciale e anche un po’ spiazzante per il pubblico, ed è per tutti. Allo stesso tempo, permette di innalzare ulteriormente la caratura tecnologica e artistica di Pesaro 2024".

La realizzazione della ‘Sfera di cristallo’ è stata possibile grazie alla vittoria del bando da 11 milioni di euro per la costituzione della Casa delle tecnologie emergenti. Per un costo totale della struttura di circa 700mila euro che faranno però rimanere la Biosfera un patrimonio permanente per la città di Pesaro, che per tutto il 2024 sarà fissa in piazza del Popolo, avendo anche una struttura tale da poter sopportare le intemperie climatiche di caldo o freddo. A guidare il progetto della Biosfera sono stati Federico Rossi, professore in architettura digitale alla London South Bank University, e Andrea Santicchia, artista e docente in Interaction Design at IUAV, che hanno portato a Pesaro un primato internazionale: la Biosfera al momento è l’unica in Europa in termini di tali dimensioni (alta cinque metri, sorretta da un basamento di sei).