Fanesi: "Alle primarie il Pd non può perdere"

Il vicesindaco prende le distanze dal collega Nicolelli ma rimarca: "Il segretario Minardi ne è consapevole"

Fanesi: "Alle primarie il Pd non può perdere"

Cristian Fanesi, vicesindaco e assessore all’Urbanistica, candidato sindaco del Pd alle primarie del 7 aprile

Nicolelli (Pd) attacca Minardi (Pd): il candidato sindaco dei Democratici Cristian Fanesi prende le distanze da quelle dichiarazioni pur precisando: "Tutti, il segretario Minardi in primis, siamo consapevoli che alle prossime primarie il Pd non può perdere".

"Se a vincere le primarie non sarà Fanesi, il segretario dovrà dimettersi subito". Le affermazioni di Nicolelli sono state pesanti, Fanesi lei ne era a conoscenza?

"Sono stato colto di sorpresa dall’intervento di Nicolelli, non sapevo e mi ha lasciato perplesso. Queste uscite non fanno bene. Dobbiamo essere uniti e compatti, visto che rappresentiamo il Partito democratico e siamo il punto di riferimento del centrosinistra alle primarie, un processo democratico che, a questo punto, dobbiamo legittimare e garantire".

Nicolelli non ha detto pubblicamente quello che pensa una parte del partito? L’impressione è che, nonostante la sua candidatura unitaria, il Pd rimanga sostanzialmente diviso.

"Non c’è nessuna divisione, nelle ultime riunioni e negli ultimi organismi abbiamo trovato una convergenza solida e forte. E’ evidente che abbiamo attraversato una fase dialettica molto turbolenta negli ultimi anni, ma è normale dopo la chiusura di 10 anni di amministrazione Seri. Ora però si apre una fase nuova in cui abbiamo deciso di chiedere ai cittadini di esprimersi e di attivarsi con il metodo delle primarie nella costruzione di un progetto ambizioso e stimolante".

Quale giudizio esprime sul segretario Minardi? Poteva fare di più per il "campo largo" che non si è realizzato?

"Minardi in questi mesi si è speso per tutelare e rappresentare al meglio il Pd e il centrosinistra".

Alle primarie del 7 aprile non rischia di ripetersi lo schema del 2014 dove l’allora candidato del Pd, il segretario Stefano Marchegiani, arrivò secondo dietro Seri dato per favorito fin dall’inizio?

"Siamo in una fase politica molto diversa rispetto alle primarie del 2014. Il centrosinistra ha amministrato per 10 anni e oggi il Pd mi ha indicato come candidato anche in seguito al mio ruolo di vicesindaco. Ho ottenuto un largo consenso alle ultime elezioni del 2019 (466 preferenze ndr), sono stato tra i più votati in città e primo degli eletti nel Pd, e ora sono onorato di aver ricevuto la fiducia del partito per guidare la città. La mia sarà una campagna basata sul confronto con l’elettorato, con una visione chiara per il futuro di Fano. Andando a votare i cittadini mettono un’ ipoteca su tale futuro, la Sardegna ci insegna che il centrosinistra torna a vincere e il Pd è il faro".

Anna Marchetti