Il magico presepe vivente

Presentata l’edizione di quest’anno, che si terrà a Piobbico il 5 gennaio

Il magico presepe vivente
Il magico presepe vivente

Nel Comune di Piobbico il 5 gennaio dalle ore 19,30 alle 22 prenderà vita il presepe vivente più suggestivo di tutte le Marche, con una storia molto lunga alle spalle. È infatti dal 1990 che qui va in scena la sacra rievocazione della Natività: tutto nasce da una ricerca della locale scuola media che si prefiggeva la ricostruzione storica, nel modo più fedele possibile, della narrazione della nascita di Gesù.

Un’approfondita ricerca di usi e costumi antichi che ha finito per coinvolgere tutti gli abitanti che, per l’occasione, vestono i panni di pastori, falegnami, fabbri, osti, tessitori, cardatori e filatori di lana, fornai, mercanti, sacerdoti e personaggi mistici. Dalle scene di vita della corte di Erode all’antica scuola, dal campo dei soldati romani agli antichi mestieri: tutto sarà allestito in modo autentico e ricercato. La 27ª edizione è stata presentata alla Confcommercio Marche Nord dal direttore generale Amerigo Varotti con il sindaco Alessandro Urbini, il presidente della Pro loco e consigliere comunale Matteo Martinelli e il consigliere comunale Silvia Formica.

"Siamo contenti – ha esordito Varotti – di promuovere questo evento. Piobbico possiede tutte le caratteristiche ed eccellenze che valorizziamo con l’Itinerario della Bellezza: cultura, gastronomia, patrimonio ambientale e l’aspetto religioso". L’iniziativa, organizzata dal Comune con il supporto della Pro loco di Piobbico, rappresenta l’evento di punta del Natale piobbichese e attira un numero sempre maggiore di turisti da tutto il centro Italia: "Il Presepe vivente – ha affermato il sindaco – è per la nostra comunità un evento molto importante e sentito. E’ reso possibile grazie alla partecipazione e collaborazione di tanti volontari a cui va un grande ringraziamento".

E’ entrato nel dettaglio Martinelli: "Sarà un’edizione con diverse novità rilevanti, a partire dall’orario. Una decisione presa affinchè i visitatori possano godere al meglio del presepe e del nostro borgo. L’altra riguarda il percorso: l’ingresso sarà unico. Inoltre saranno ampliate le scene all’interno del castello. Tanti i bambini coinvolti e ci fa molto piacere". Ha concluso Formica: "Sarà una edizione molto suggestiva. Un’esperienza veramente unica, un autentico viaggio a ritroso nel tempo tra religione e magia, in oltre 23 quadri storici con oltre 100 figuranti che rappresentano i diversi personaggi".

Inoltre, un intero piazzale ospiterà i classici animali che prendono parte al presepe. Come l’anno scorso, il presepe vivente piobbichese sarà la tappa finale de “Grand Tour delle Marche“ di Tipicità. Ingresso adulti 5 euro, gratuito per i bambini.

Luigi Diotalevi