Manifesto funebre per un criceto a Urbino: scherzo di dubbio gusto?

A Urbino qualcuno è rimasto male vedendo, con tanto di croce, accanto ai veri annunci di lutto

Il manifesto apparso su un muro di Urbino
Il manifesto apparso su un muro di Urbino

Urbino, 2 gennaio 2024 – Uno strano manifesto funebre è apparso nei giorni scorsi a Urbino, apparentemente per annunciare il lutto di un criceto, ma forse legato ai festeggiamenti per una laurea.

Il fatto ha provocato un po’ di disappunto nella cittadinanza, che ha creduto di trovarsi di fronte a qualcuno che veramente ha perso un amato animaletto di compagnia, scegliendo però di appendere il grande foglio nel muro proprio accanto agli annunci funebri delle persone vere e proprie. Insomma, quasi tutti lo hanno ritenuto uno scherzo di dubbio gusto.

Il manifesto, probabilmente goliardico, parla apparentemente di un cricetino bianco di due anni, ghiotto di semi di girasole, presente anche nella foto. Il suo nome era Fulvio Heisenberg Sulg, ma per gli amici era semplicemente Gianni. Le probabili artefici del manifesto, sono le coinquiline Giada e Andrea, con elevate probabilità altre due studentesse universitarie. I ‘funerali’ si sono svolti lo scorso 12 dicembre nell’appartamento delle due, celebrati secondo lo sconosciuto rito di ‘Wikihoe’ (abbiamo provato a documentarci, ma nulla risulta con tale nome).

Il testo si conclude con una dedica: “In dolce memoria di Gianni, deceduto facendo ciò che amava fare, mangiare. Che la terra ti sia lieve”. Correda il tutto una croce stilizzata con una rosa, come nei veri manifesti. Particolare, anche questo, che non è stato gradito.