Opportunità per ottenere fondi

La Giunta regionale ha approvato una delibera che riconosce le superfici interessate dalle pratiche tradizionali locali, come pascoli ricoperti da superfici foraggere arbustive. Queste aree potranno beneficiare dei contributi legati alla Pac e ai bandi per i pascoli e il benessere animale.

Opportunità per ottenere fondi
Opportunità per ottenere fondi

Approvata dalla Giunta regionale una delibera che stabilisce i criteri per il riconoscimento delle superfici interessate dalle pratiche tradizionali locali. "Si tratta – spiega il consigliere Giacomo Rossi- di superfici legate ai pascoli, in cui l’erba non sia predominante o addirittura assente in quanto pascoli ricoperti da superfici foraggere arbustive, a condizione che siano accessibili agli animali ed effettivamente pascolati. Dallo scorso anno tali superfici che non beneficiavano di alcun premio o contributo, vengono considerate come aree di pascolo a tutti gli effetti, usabili e dichiarabili anche per richiedere i contributi legati alla Pac (politica agricola comune) e ai bandi relativi ai pascoli e al benessere animale". "Tali superfici - prosegue Rossi - viste le modalità di allevamento nella nostra regione che sono spesso basate su una zootecnia estensiva o allo stato brado, rappresentano in molti casi e in particolar modo nelle aree interne, una importantissima fonte di nutrimento per gli animali. Nei giorni scorsi avevo ricevuto segnalazioni da parte di alcuni allevatori circa la necessità di poter veder riconosciute le proprie superfici come Pratiche Tradizionali Locali e mi sono pertanto direttamente interessato con l’Assessorato all’Agricoltura, segnalando la questione". "Con l’adozione di questo atto – conclude il consigliere regionale- chi ne avrà le caratteristiche, si potrà veder riconosciute tali parcelle come pratiche tradizionali locali ed avere quindi la possibilità di inserirle all’interno della Pac o di eventuali bandi del Complemento di Sviluppo Rurale".

am.pi.