Posta il voto sui social: bufera su Massimiliano Santini

I candidati sindaci Pia Perricci e Marco Lanzi accusano: «Violata la segretezza del voto e il silenzio elettorale»

Massimiliano Santini durante la campagna elettorale

Massimiliano Santini durante la campagna elettorale

Una mano votante sui social scatena una bufera non da poco. Il post incriminato è quello che Massimiliano Santini intorno alle 11 di questa mattina ha pubblicato su Instagram. Una X sul simbolo della lista “Una città in Comune” di Enzo Belloni e, a fianco, l’indicazione di due preferenze “Santini” e “Sema”. I candidati avversari, Pia Perricci e Marco Lanzi hanno criticato duramente il gesto, accusandolo di aver violato la segretezza del voto e il silenzio elettorale. Poi Santini lo ha tolto dai social forse capendo di aver fatto un errore. Santini, in base a quanto riporta l’Ansa, si sarebbe poi giustificato dicendo che era un fac simile seppure la matita immortalata nella foto sembri quella ufficiale dei seggi. Marco Lanzi parla di «un atto gravissimo punito dalla legge perché considerato voto di scambio. Ho parlato con i rappresentanti della lista - spiega Lanzi - e mi hanno detto che era un fac simile quello postato da Santini, peccato che anche in quel caso sarebbe da considerare un atto ingannevole e vietato nei confronti dell'elettorato visto che è stato postato durante la giornata di voto. Sono sconcertato dalla facilità con la quale si violano le regole e non mancherò di segnalare ogni reato alle autorità».