"Siamo il nuovo che avanza, avanti tutta con le primarie"

Lucarelli a gamba tesa dopo il ’passo indietro’ di Fanesi. "Alcune anime dei Progressisti hanno metodi, visioni e linguaggi vecchi"

"Siamo il nuovo che avanza, avanti tutta con le primarie"
"Siamo il nuovo che avanza, avanti tutta con le primarie"

Lucarelli in difesa delle primarie. Dopo l’assessore Cora Fattori (candidata sindaco di Più Europa) anche il collega Etienn Lucarelli (candidato dell’area civica) pensa che spetti agli elettori del centrosinistra scegliere il loro candidato sindaco. In campo ce ne sono 4: Lucarelli, Fattori, Cristian Fanesi (Pd) e Samuele Mascarin (In Comune). L’assessore al Turismo se la prende con I Progressisti, che "alla nostra disponibilità al dialogo hanno sempre opposto una netta chiusura". In realtà l’attacco è rivolto a Fano Ribella e ai politici della ‘vecchia guardia’ (vedi alla voce Baldarelli e Carnaroli, ndr). "Io, Barbara Brunori e Fattori – fa presente Lucarelli – rappresentiamo la nuova classe politica, interprete dei progetti futuri del centrosinistra. Noi abbiamo voglia di metterci in gioco e di lavorare seriamente e lo abbiamo dimostrato in questi ultimi anni, dedicando a Fano energie e capacità e avvicinando l’amministrazione comunale alle persone".

Parlando di ‘vecchia guardia’ mi sembra che lei si riferisca a Fano Ribella. C’è un problema generazionale?

"In questi due mesi abbiamo tentato di dialogare in modo aperto e disponibile ma ci siamo trovati di fronte a metodi, visioni e linguaggi vecchi, dove a prevalere spesso erano rancori e attriti del passato. Siamo generazioni molto diverse: da un lato ci siamo noi amministratori di oggi che spingono la città verso il futuro, dall’altra c’è la classe politica che ha amministrato la città 30 anni fa".

E di M5S cosa pensa?

"Con M5S, nonostante il diverso percorso fatto negli ultimi 10 anni, si potrebbe dialogare sui temi del futuro e sul metodo partecipato di fare politica. Se differenze con Fano Ribella mi sembrano incolmabili, con il resto degli interlocutori dei Progressisti ci potrebbe essere l’opportunità di costruire un progetto valido, nuovo nel metodo e nel merito".

Fanesi ha rimesso la sua candidatura nelle mani delle segreterie del partito, domani si riunirà l’assemblea comunale del Pd per decidere sulle primarie: se il Pd si tirasse indietro?

"Sono un po’ amareggiato dalle uscite di Fanesi che sembra indeciso e timoroso e pare non aver compreso il processo di rinnovamento che è in atto in città. Noi candidati dovremmo essere un gruppo unito e coeso per costruire insieme il futuro di Fano. Sono però fiducioso sulla scelta del Pd, anche se noi (Lucarelli, Fattori e Mascarin ndr) abbiamo già deciso da tempo: andremo avanti a prescindere dalle scelte degli altri".

Anna Marchetti