Torrico: "Urbino come al solito escluso da tutto"

L’esponente della Sinistra parla del progetto da 11 milioni che porterà un bus elettrico tra Vallefoglia e Pesaro.

Torrico: "Urbino come al solito escluso da tutto"
Torrico: "Urbino come al solito escluso da tutto"

Capoluogo di provincia sulla carta ma per viabilità e collegamenti no. Lo pensa, e lo esclama, Ermanno Torrico di Sinistra per Urbino, dopo la presentazione del nuovo Bus Rapid Transist elettrico che prossimamente collegherà Vallefoglia con Pesaro in 20 minuti. "Il sindaco di Vallefoglia Palmiro Ucchielli, con l’assessore regionale alle infrastrutture e ai lavori pubblici Francesco Baldelli, sta coronano il sogno di fare di Vallefoglia l’ombelico della provincia. Comunque la si pensi, complimenti a Ucchielli e zero in condotta al sindaco Gambini. Ed in effetti ormai Vallefoglia con i suoi 14.950 abitanti è dopo Pesaro e Fano il terzo centro più popoloso della provincia - scrive Torrico che rimarca come la città ducale debba essere più coinvolta e presente e non lasciata isolata -. Il progetto del bus veloce, finanziato dalla Regione con 11 milioni di euro, attraverserà tutta l’area industriale, una soluzione che apporterà benefici soprattutto per i pendolari, studenti e lavoratori e destinata a incrementare lo sviluppo demografico di Vallefoglia per il probabile spostamento residenziale dalla costa al primo entroterra. Un’inversione storica da cui rimane fuori Urbino, fresco capoluogo di provincia, ignorato dal progetto e il cui sindaco avvolto nella nuvola di ebbrezza pre-elettorale non è stato capace non di chiedere col cappello in mano ma di pretendere, in considerazione anche della comune appartenenza politica, il coinvolgimento del Comune di Urbino nel tavolo tecnico del progetto. La presidente di Ami Lara Ottaviani e l’Amministratore delegato Massimo Benedetti non hanno ad oggi rilasciato alcuna dichiarazione. Urbino recita un ruolo subalterno e marginale in un progetto dal quale potrebbe trarre vantaggi", conclude Torrico.

fra. pier.