Addio a Paolo Landini, ex dirigente e creativo

Paolo Landini, 68 anni, ex dirigente di magazzino, è scomparso a causa di complicazioni cliniche in seguito a un infortunio. Appassionato di teatro e musica, era una persona gentile e rispettosa. I funerali si svolgeranno domani a Gualtieri, seguiti dalla cremazione a Mantova.

Addio a Paolo Landini, ex dirigente e creativo
Addio a Paolo Landini, ex dirigente e creativo

Lutto a Gualtieri per la scomparsa di Paolo Landini, 68 anni, ex dirigente di magazzino per una azienda povigliese, ora in pensione. Il decesso è avvenuto al Santa Maria Nuova di Reggio, dove era stato ricoverato al peggioramento delle sue condizioni di salute. È stato vinto da complicazioni cliniche in seguito a un infortunio avvenuto in montagna, in Trentino, la scorsa estate. Un infortunio che non si esclude possa essere stato provocato da un malore, i cui effetti si sono ripetuti nel tempo. Paolo Landini non era sposato. Nel tempo libero era impegnato nelle sue passioni: teatro e musica.

Suonava il clarinetto nella banda di Santa Vittoria, associazione di cui era stato presidente fino a tempi recenti. Inoltre, da una ventina d’anni era tra gli attori della compagnia teatrale ’La Palanca Sbusa’ di Gualtieri, in cui aveva recitato diversi ruoli nelle varie commedie proposte in teatro, sagre e fiere.

"Era meticoloso e preciso. Si preparava con cura anche per recitare brevi battute sul palco. Paolo era una persona gentile, buona con tutti. Non lo abbiamo mai sentito alzare la voce. Rispettava tutti", lo ricordano gli amici.

I funerali, affidati all’agenzia Veronesi e Pederzoli, si svolgono domani, giovedì, alle 10 nella chiesa parrocchiale di Gualtieri, dove stasera alle 20,30 viene recitato il rosario. Dopo la messa il feretro sarà trasferito a Mantova per la cremazione. Paolo Landini lascia il fratello Guglielmo, i nipoti, altri parenti e molti amici.