Badante deruba due anziani. Ripresa dalle telecamere

La coppia ha scoperto ammanchi dal conto per un totale di oltre 2.000 euro: la sessantaquattrenne era già nota alle forze dell’ordine per simili episodi.

Badante deruba due anziani. Ripresa dalle telecamere
Badante deruba due anziani. Ripresa dalle telecamere

L’amarezza di essere stati traditi da chi avrebbe dovuto essere al loro fianco nei momenti di difficoltà e nella cura quotidiana; lo sgomento di essersi messi in casa una ladra. Così deve essersi sentita la coppia di anziani che ha scoperto di essere stata sistematicamente derubata dei propri risparmi dalla badante che era stata ingaggiata per potere aiutare la moglie ad assistere il marito. La badante, una 64enne reggiana nota alle forze dell’ordine per simili episodi, è stata incastrata dalle indagini dei carabinieri di San Polo, ed è stata denunciata per i reati di furto in abitazione e indebito utilizzo di bancomat. Gli anziani sono stati alleggeriti di circa 2.200 euro. La donna era stata assunta per badare all’anziano ma dalla metà del dicembre scorso alla metà di gennaio, dopo essersi impossessata furtivamente del bancomat della moglie, avrebbe effettuato tre operazioni di prelievo in un mese, intascandosi i contanti. Il 18 gennaio l’anziana ha visualizzato l’estratto conto bancario della sua carta bancomat e ha scoperto l’ammanco. Preoccupata, si è recata nella caserma dei carabinieri di San Polo per sporgere denuncia verso ignoti. La donna ha anche consegnato ai militari l’estratto conto, che riportava con esattezza giorni e orari dei prelievi. I militari hanno avviato le indagini, richiedendo in primo luogo all’istituto bancario i video delle telecamere di sorveglianza. Dalle riprese sono così riusciti a visualizzare perfettamente la persona che aveva effettuato gli indebiti prelievi, peraltro già nota per analoghi reati. Quando i militari hanno mostrato alla derubata le immagini, è stato un momento di sorpresa e dolore: si stava materializzando l’incubo di chiunque accolga in casa e dia fiducia a persone che debbano aiutare e assistere la famiglia. Alla luce della svolta investigativa, la presunta autrice dei furti è stata denuncia alla Procura diretta dal dottor Calogero Gaetano Paci.