Beltrami: "Mi impegnerò con Coalizione Civica per avere tutele su questa patologia"

Sara Beltrami, candidata a Reggio, si impegna per l'endometriosi, malattia cronica che colpisce le donne. Attivista da anni, ha lanciato petizioni e promette battaglia politica per la tutela delle donne affette.

Beltrami: "Mi impegnerò con Coalizione Civica per avere tutele su questa patologia"

Sara Beltrami, candidata a Reggio, si impegna per l'endometriosi, malattia cronica che colpisce le donne. Attivista da anni, ha lanciato petizioni e promette battaglia politica per la tutela delle donne affette.

"Sull’endometriosi c’è ancora tanto da fare". Si impegnerà anche per questo Sara Beltrami, 37 anni, candidata nella lista di Coalizione Civica (che propone come sindaco Fabrizio Aguzzoli alle prossime elezioni a Reggio). Lo promette nel giorno in cui si celebra la giornata dedicata alla patologia cronica e progressiva che colpisce le donne in età fertile. Beltrami (nella foto), da oltre 10 anni è un’attivista per i diritti delle donne con endometriosi e per il sostegno al personale sanitario che si occupa della malattia. Nel 2022 ha lanciato una petizione che in pochi mesi ha raccolto quasi 5.000 firme e dato vita al primo vero dibattito politico sul tema dell’endometriosi, portando il voto del documento fino in assemblea legislativa in Regione. "L’endometriosi è riconosciuta come malattia cronica e invalidante dallo Stato italiano – spiega – non è sostanzialmente tutelata, nonostante la malattia rappresenti la prima causa di dolore pelvico cronico in donne in età fertile. Questo significa che oggi abbiamo donne giovani che spesso hanno difficoltà a compiere anche normali attività quotidiane come lavorare, fare

sport o semplicemente uscire per una pizza". Beltrami preannuncia battaglia. "Dopo che in Emilia Romagna l’emendamento sull’endometriosi era stato nuovamente bocciato, la petizione ha visto una secca battuta

d’arresto che sembrava non lasciare spazio a nuove manovre di impegno. Da qui la nostra decisione di ripartire il 23 marzo da Roma, con una manifestazione molto partecipata".