Cavriago, denunciato per la videochiamata alla moglie

Un uomo di 43 anni ha violato il divieto di avvicinamento e di ogni tipo di contatto con la donna

Indagini dei carabinieri

Indagini dei carabinieri

Cavriago (Reggio Emilia), 22 febbraio 2024 – Condannato a due anni e 10 mesi per maltrattamenti in famiglia, probabilmente riteneva di aver "saldato" il debito con la giustizia, non considerando più attuale la misura cautelare dell'allontanamento dalla casa familiare, divieto di avvicinamento e di contattare moglie e figlio a cui era sottoposto da undici mesi. E così si è sentito libero di videochiamare la moglie via WhatsApp informandola di tale convinzione, oltretutto in modo minaccioso. La donna, comprensibilmente preoccupata, si è rivolta ai carabinieri di Cavriago, i quali hanno verificato la violazione del provvedimento del giudice, in vigore fino all’estate dell’anno prossimo. L’uomo, un 43enne residente nel Reggiano, è stato denunciato alla magistratura, con il rischio di un inasprimento del provvedimento stesso nel prossimo futuro. L’allontanamento obbligatorio era scattato in seguito a una serie di accertamenti, che avevano evidenziato un comportamento violento ai danni di moglie e figli. Una situazione da incubo che durava da anni. Nel marzo dello scorso anno l’ennesimo episodio di violenza, con la donna colpita con una testata che aveva provocato la frattura delle ossa del naso, con traumi guaribili in almeno un mese. Era scattato l’allontanamento dei familiari, ma col divieto di comunicare che è stato violato dall’uomo, ora denunciato anche per questo episodio.