Decine di eventi per Reggionarra. L’edizione n°18 si apre al mondo

Una narrazione di comunità che quest’anno si apre ad altri comuni della provincia e non solo: contemporaneamente, infatti, dall’altra parte del mondo, si svolgerà Africanarra .

Decine di eventi per Reggionarra. L’edizione n°18 si apre al mondo

Uno dei tanti eventi di Reggionarra dello scorso anno

"A rifare il mondo" è il messaggio che Reggionarra 2024 - all’edizione numero diciotto - fa suo e porta alla città, dove dal 24 al 26 maggio i bambini saranno protagonisti. Una narrazione di comunità, che quest’anno si apre ad altri comuni della provincia, a partire da un verso della poetessa Ilaria Rigoli.

Eventi e spettacoli, compagnie e artisti riempiranno di storie tanti luoghi della città e non soltanto. Contemporaneamente, dall’altra parte del mondo, in Sudafrica ci sarà Africanarra: un progetto di Africa Reggio Emilia Alliance, partner ufficiale per l’Africa del Network internazionale di Reggio Children. Reggionarra 2024 è stato presentato dal sindaco Luca Vecchi e dall’assessora a Cultura, Turismo e Pari opportunità Annalisa Rabitti, insieme a Davide Zanichelli (direttore della Fondazione Palazzo Magnani), Maddalena Tedeschi (pedagogista dell’Istituzione scuole e nidi dell’infanzia) e Monica Morini, curatrice del festival.

Luca Vecchi ha detto: "Reggionarra cresce, coinvolge anche altri comuni reggiani e viene adottato da altri Paesi, come il Sudafrica. Una crescita non scontata, frutto di precise scelte politiche, che ci auguriamo prosegua negli anni a venire". Reggionarra dunque amplia il raggio d’azione e quest’anno dà il benvenuto a 5 comuni che hanno accolto l’invito: Albinea, Quattro Castella, Rubiera, San Polo d’Enza e Castelnovo Sotto (che anche quest’anno stupirà i partecipanti con un capolavoro di cartapesta). "Come sempre sarà un Reggionarra senza barriere con tanti appuntamenti – ha aggiunto Annalisa Rabitti - Cito solo Missione Roosevelt dove si potrà fare un percorso seduti in carrozzina, per misurarsi con l’immedesimazione e l’empatia. Non ultimo, siamo stati selezionati tra i 30 festival italiani che verranno raccontati e promossi al Salone del Libro di Torino. Reggionarra è un appuntamento con migliaia di presenze, atteso e amato da bambini e genitori, che coinvolge la città e le scuole, le piazze e i parchi. Abbiamo invitato librerie, esercizi commerciali, bar e ristoranti a partecipare a questa grande festa che richiamerà tante famiglie, anche da fuori Reggio".

Castelnovo Sotto aprirà la settimana di Reggionarra il 20 maggio con Storia di un colibrì di Davide Villani. A Reggionarra si sono uniti anche Albinea (21 maggio Equilibri Notti di buio e di luna), Rubiera (21 maggio Bum Bum Ciak Imagine - Un libro che suona), Quattro Castella (22 maggio Teatro delle Brame In poche parole) e San Polo d’Enza (23 maggio Teatro dell’Orsa Rodari in valigia).

La Fondazione Reggio Children Centro Loris Malaguzzi organizzerà un evento di avvicinamento, così come le biblioteche decentrate di Santa Croce, San Pellegrino e Ospizio accolgono narrazioni e laboratori.

Grande parata in città venerdì 24 maggio alle 17, a partire da piazza Fontanesi, guidata da una strana coppia composta dal Grande Drago Gentile della scorsa edizione, accompagnato, stavolta, dal suo amico, un piccolo Colibrì giallo. Reggionarra sarà come sempre una galoppata nel regno della fantasia, con un occhio alle questioni ambientali. L’intero programma sarà presto visibile sul sito www.reggionarra.it Alcuni eventi sono su prenotazione e/o a pagamento (da lunedì 6 maggio), tutti gli altri ad accesso libero e gratuito.

Anche quest’anno si cercano nuovi volontari e volontarie: chi volesse dare la propria disponibilità può scrivere a reggionarra@comune.re.it