Grande impegno al concorso sulla bomba di Bologna, tutti premiati gli studenti

Grande impegno al concorso sulla bomba  di Bologna, tutti premiati gli studenti
Grande impegno al concorso sulla bomba di Bologna, tutti premiati gli studenti

Le amministrazioni comunali di Casalgrande e Scandiano ieri hanno partecipato alla commemorazione della strage nella stazione di Bologna. Il Comune di Casalgrande era rappresentato dal sindaco Giuseppe Daviddi e dal presidente del consiglio comunale Marco Cassinadri. Per il Comune di Scandiano a Bologna era presente l’assessore Elisabetta Leonardi. Alla stazione di Bologna morirono anche la 46enne Eleonora Geraci e il figlio Vittorio Vaccaro di 24 anni, residenti nel comprensorio ceramico reggiano. Madre e figlio si trovavano in stazione per accogliere parenti in visita da Palermo. "Scandiano unisce la propria voce al coro non solo di chi ricorda le vittime, ma di chi chiede allo Stato di arrivare alla completa verità su quella pagina nera", dice l’assessore Leonardi. Alle due vittime reggiane è dedicato un concorso per gli studenti dell’istituto Gobetti, promosso da Adele Incerti e Linda Vaccaro (moglie e figlia di Vittorio) e Maria e Rita Vaccaro, sorelle di Vittorio e figlie di Eleonora. Il concorso ‘Bologna ore 10.25 Rimetti a punto le lancette della memoria’ premia con mille euro l’elaborato migliore. Quest’anno tutti i progetti degli studenti sono stati premiati. I ragazzi si sono trasformati in attori, registi, sceneggiatori e designer, dimostrando un tale impegno che la commissione esaminatrice non ha potuto decretare un unico vincitore.

mat.b.