I venti anni dalla riapertura, al via le celebrazioni al Bismantova

Si parte stasera con un doppio appuntamento gratuito. Tante le iniziative. in programma.

I venti anni dalla riapertura, al via le celebrazioni al Bismantova
I venti anni dalla riapertura, al via le celebrazioni al Bismantova

Al via questa sera le celebrazioni dei 20 anni dalla riapertura del Teatro Bismantova, avvenuta tra febbraio e marzo del 2004, dopo una lunga ristrutturazione che ha consentito alla struttura di diventare un punto di riferimento quale "casa della cultura della montagna". "E20" è il titolo del cartellone che proporrà 20 iniziative per festeggiare questo importante traguardo, e che inizia proprio nel weekend del 9, 10 e 11 febbraio per proseguire nei prossimi mesi (per il calendario si può consultare il sito www.teatrobismantova.it). Questa sera sono in programma due appuntamenti ad ingresso gratuito. Il primo alle 20.30 Il diario della gratitudine, la vita di Shih Shenketih, di e con Hamid Barole Abdu, scrittore, poeta e filosofo eritreo. Dopo aver studiato letteratura in patria, Hamid emigra in Italia nel 1974 e si stabilisce a Modena, dove lavora come operatore psichiatrico ed esperto interculturale. Ha realizzato progetti di ricerca e studi sul fenomeno migratorio, pubblicando numerosi articoli. Il suo primo libro di poesie Akhria - io sradicato poeta per fame, pubblicato nel 1996, ha ottenuto molti consensi dalla critica. Il secondo alle 22, seguirà sul palco del teatro Nebrask(r)a: "Lettere scritte e mai spedite, un morto schiantato sotto casa, musiche e misteri". Un recital con lo scrittore ligonchioese Silvano Scaruffi accompagnato da Nicola Bonacini al contrabbasso elettrico.

s. b.