Il gioiello Pafundi pronto a vestire il granata. L’Udinese dà l’ok, a breve l’ufficialità

Mercato scoppiettante: la Reggiana cede Pettinari all’Ascoli e sogna Cerri (Como). Tesserato Reinhart: potrà scendere in campo subito

Il gioiello Pafundi pronto a vestire il granata. L’Udinese dà l’ok, a breve l’ufficialità
Il gioiello Pafundi pronto a vestire il granata. L’Udinese dà l’ok, a breve l’ufficialità

La Reggiana accoglie ufficialmente Reinhart, aspetta Pafundi, cede Pettinari all’Ascoli e ‘sogna’ Cerri del Como.

Il mercato di gennaio inizia a muoversi e i dirigenti granata sono in prima linea per cercare di finalizzare quelle operazioni, in entrata e in uscita, che dovranno servire ad affrontare al meglio il girone di ritorno.

Partiamo dalle certezze: il contratto del centrocampista classe 2000, prelevato dal Temperley (Serie B argentina), è stato depositato e il tesseramento è avvenuto proprio nelle scorse ore.

L’accordo è fino al 30 giugno 2026 e il ‘volante’ italo-argentino potrà fare il suo esordio già il 13 gennaio, a Pisa.

Fumata bianca da Udine invece per il talentino classe 2006 Simone Pafundi.

Il club del presidente Pozzo ha dato l’ok all’operazione, ma prima deve chiudere – assieme al ds Balzaretti – la cessione di Samardzic al Napoli di De Laurentiis.

La trattativa per il passaggio del serbo ai campioni d’Italia è entrata nel vivo proprio in queste ore e dovrebbe essere finalizzata a breve.

A ruota saranno sistemate anche le ultime carte per il passaggio di Pafundi alla corte di Goretti e Nesta: nel week end ci sarà l’ufficialità, con tutte le parti coinvolte che hanno dato l’assenso.

Il trequartista mancino, che agirà partendo da destra a supporto della prima punta, si aggregherà probabilmente ai nuovi compagni sul finire della prossima settimana, ma sarà probabilmente disponibile a tutti gli effetti per la partita interna con il Como (20 gennaio ore 14) visto che il 17 dovrà rispondere alla convocazione della Nazionale Under 19 che affronterà la Spagna in amichevole.

In ogni caso sul suo passaggio in granata non sembrano più esserci dubbi.

Una certezza che segue anche la cessione di Stefano Pettinari all’Ascoli: era nell’aria, ma da ieri è realtà. L’attaccante è pronto a lasciare la Reggiana dopo appena sei mesi dal suo arrivo e la firma del contratto fino al 2025. La storia tra le parti era iniziata bene, con due gol (contro Como e Cremonese) e lo ‘storico’ salvataggio su Circati nel derby col Parma, poi un infortunio al soleo e alcune incomprensioni con i dirigenti granata hanno fatto il resto.

Riabbraccerà mister Castori con cui aveva siglato il proprio record personale di gol nel 2019-2020 (17 in 35 presenze) quando vestiva la maglia del Trapani.

Smentito invece l’interesse dei marchigiani anche per Gondo (altro ‘pupillo’ di Castori ai tempi della Salernitana) e Szyminski che ha chiuso bene il 2023 e dovrebbe restare.

Con Lanini in lista d’uscita (la decisione adesso tocca a lui, lo vogliono Entella, Avellino, Perugia e Spal) il ds Goretti prenderà almeno un altro attaccante (più probabilmente due…).

Sul taccuino del dirigente umbro c’è anche il nome di Alberto Cerri.

Il centravanti classe ’96 è infatti in uscita dal Como (63 presenze e 20 gol) e come caratteristiche fisiche (194 cm per 91kg) sarebbe perfetto per il gioco di Nesta.

Su di lui però è forte l’interesse dell’Empoli che ha bisogno di un ‘puntero’ da alternare all’intramontabile Ciccio Caputo.

L’interesse è reale, ma l’operazione – almeno in questa prima fase – appare complicata. La Reggiana resta alla finestra.