La ’Casa Biancorossa’. Firmato l’accordo per il capannone 15A

Il sodalizio siglato dalla Pallacanestro Reggiana e Stu spa. Ci saranno sede, uffici, campi di allenamento e spazi commerciali. .

La ’Casa Biancorossa’. Firmato l’accordo per il capannone 15A
La ’Casa Biancorossa’. Firmato l’accordo per il capannone 15A

Un sogno che, col tempo, diventerà realta; ma che nelle scorse ore ha visto compiere un primo importante passo, a confermare che la Pallacanestro Reggiana avrà la sua "casa biancorossa".

Nelle scorse ore il sodalizio cittadino di basket ha firmato con Stu-Reggiane Spa l’accordo preliminare per l’acquisizione del capannone 15A del Parco Innovazione sorto, dopo un’ampia opera di bonifica e riqualificazione, nella zona delle ex ’Officine Reggiane’.

Per troppi anni fonte di degrado urbano ora divenuta, grazie al Parco Innovazione uno dei luoghi simbolo, in positivo, della città.

Lo stabilirsi in loco della storica società di pallacanestro (che nel 2024 festeggerà mezzo secolo di vita) sarà dunque un importante valore aggiunto. I dettagli dell’intesa stipulata saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà mercoledi 6 dicembre, alle 12.30, presso "Ruote da Sogno" (alla presenza anche dell’architetto Andrea Oliva), ma noto è il cammino che ha portato all’idea di far nascere la casa biancorossa e la "mission" per cui si è concretizzata.

Negli spazi del capannone 15A e zone immediatamente limitrofe infatti la Pallacanestro Reggiana porterà la sua sede, gli uffici logistici e amministrativi e costruirà i campi di allenamento utili all’attività della prima squadra e delle formazioni del vivaio. Oltre ad aree commerciali che saranno fruibili da tutta la cittadinanza, a conferma della vocazione collettiva verso cui l’attuale proprietà societaria, guidata dalla presidente Veronica Bartoli e dai soci Enrico San Pietro e Graziano Sassi, vuole rivolgersi. Costruire qualcosa di bello per tutti i reggiani e non solo per gli appassionati di basket, in buona sostanza.

Un’idea vagheggiata gia ai tempi in cui il patron biancorosso era Stefano Landi e che nel tempo è diventata sempre più concreta, portando alla valutazione di diverse aree, a Reggio e non solo, dove erigere la "Casa biancorossa".

L’avvento della famiglia Bartoli ai vertici del team, in collaborazione con gli altri due soci, ha ridato nuova linfa al progetto: tanto che l’area delle ex Reggiane era stata attenzionata dal management già a partire dall’estate 2022. Da lì è stata naturale conseguenza partecipare al bando indetto da Stu Reggiane per la vendita dell’immobile: presentando una manifestazione d’interesse conclusasi positivamente con la firma di ieri. Con le location della Pallacanestro Reggiana che si porranno al centro di una zona che, nei prossimi cinque, dieci anni vivrà un’ulteriore fase di espansione a livello sportivo, tra strutture già esistenti e quelle che sorgeranno, trasformandola in un vero e proprio polo attrattivo di questo comparto, oltre che come area business.

Gabriele Gallo