La nuova squadra? C’è chi sogna e chi è curioso

Claudio Menozzi: "I giovani sono forti, vedrete Bianco...". Gabriele Menini: "Punto molto su Romagna"

La nuova squadra? C’è chi sogna e chi è curioso
La nuova squadra? C’è chi sogna e chi è curioso

"Che la Regia sia tornata qui è pazzesco, bellissimo". Sono parole semplici quelle di Claudio Menozzi ma rappresentano bene la soddisfazione dei tifosi per il rientro tra le storiche siepi dei calciatori granata. "Poco male se da domani dovranno finire i lavori e non potremo più tornare a vedere gli allenamenti per un po’ – prosegue Menozzi –, oggi siamo venuti perché è un giorno speciale. Di solito non sono in molti ad assistere, sarà un dispiacere per qualche vecchietto ma va bene così". Oltre cento supporters hanno accolto la Reggiana al suo ritorno in via Agosti, trovando due campi di grande livello: "Ma è erba vera o sintetico?" ha chiesto addirittura qualcuno. E poi, osservando Nesta e il suo staff, lo stupore è ancora aumentato: "Ma quanti sono? È un team deluxe, quando c’era Alvini erano in due". I più pragmatici non si sono comunque lasciati andare a facili entusiasmi: "E con il sintetico quando iniziano? No perché non vorrei che quando arriva l’inverno debba ripartire il solito tran-tran alla ricerca di un campo su cui allenarsi. Alla fine non manca così tanto". Poco male, ieri pomeriggio è stata l’occasione per tanti di vedere per la prima volta da vicino i nuovi beniamini: "I giovani sono molto forti – è convinto Menozzi -, poi da simpatizzante della Fiorentina seguivo Bianco da tempo e so quanto può dare. È un regista e se con Cigarini si pesta i piedi non ho dubbi, giocherà il ragazzo". Sul mercato si concede il lusso di sognare: "Ci sono voci per cui Coda non sarebbe così irraggiungibile, pare anche che il Genoa sia in debito con noi per aver dato una chance a Portanova. Come riserva terrei anche Montalto". Gabriele Menini è d’accordo: "Io non venderei né lui né Lanini. Siamo ancora un cantiere aperto, mancano alcuni tasselli ma c’è molta curiosità". Il ragazzo si definisce un milanista acquisito e vedere in panchina mister Nesta lo impressiona: "Da giocatore lo amavo, adesso sarà interessante vederlo in panchina. Non mi sento comunque di dirmi contento per l’addio di Diana, soltanto è ora di cambiare pagina". Tra i nuovi acquisti il suo preferito è un altro difensore: "Se sta bene Romagna. Per la punta non saprei chi preferire, Coda è difficile, Moncini andrebbe bene, Pellegrini mi piace molto ma non credo potrebbe fare il titolare. Novakovic? Nì, non mi convince del tutto".

Tommaso Vezzani