Per la Reggiana inizia la prova dell’otto

Lunedì a Venezia comincia il ciclo della verità (salvezza o playoff?). Si concluderà col super derby: il Parma arriverà alle 20,30 del 10 maggio

Per la Reggiana inizia la prova dell’otto

Antiste: per. lui finora 4 gol e un assist

Otto partite per capire se la salvezza sarà davvero l’unico obiettivo possibile.

Otto partite per scacciare incubi e paure e, magari, iniziare a sognare qualcosa di ancor più bello e inaspettato.

Otto partite che, in poche parole, ci diranno quale voto in pagella merita la Reggiana che al momento – pur tra alti e bassi – è sembrata uno studente applicato e volenteroso e che non rischia la bocciatura. Anzi.

Il ‘tour de force’ inizierà lunedì con una trasferta complicatissima, a Venezia, dove la squadra di Vanoli ha raccolto 10 vittorie, 3 pareggi e appena 2 sconfitte. È però soprattutto nelle gare successive che Nesta e i suoi ragazzi dovranno mostrare di che pasta sono fatti. Il riferimento è alle partite interne con Cittadella (sabato 6 aprile alle 16,15) e Cosenza (venerdì 19 alle 20,30) inframezzate dalla trasferta col Lecco (sabato 13 aprile alle 16,15). Un tris di ‘scontri diretti’ abbordabili che, se affrontati in modo brillante, potrebbero regalare ai granata una volata finale tanto complicata quanto entusiasmante.

Sì, perché dopo questo trittico (da non sbagliare in ogni caso…) le ultime 4 saranno una sorta di luna park delle emozioni, perché il calendario propone la trasferta alla ‘Favorita’ di Palermo (sabato 27 aprile, 16,15), il derby casalingo con il Modena (mercoledì 1° maggio alle 18) e poi – come comunicato proprio ieri dalla Lega di Serie B - il viaggio sempre suggestivo al ‘Ferraris’ per la sfida alla Sampdoria (domenica 5 maggio alle 15) e il derby dei derby col Parma, messo in scaletta per venerdì 10 maggio alle 20,30.

Le ultime due giornate, lo ricordiamo, vanno giocate in contemporanea da parte di tutte le squadre.

La probabilità che il Parma arrivi a Reggio senza più nulla da chiedere e con la promozione in Serie A in tasca diventerà una certezza già nelle prossime gare e toccherà quindi ai granata mettersi nelle condizioni di dare un ‘valore numerico’ (oltre che di campanile…) a quella che da sempre è la sfida più attesa.

Se la quota salvezza è davvero a 43 come sostiene Nesta (tesi condivisibile), la Reggiana che è attualmente a 37 potrebbe appunto raggiungerla con anticipo sulla tabella di marcia (facendo almeno 6 punti nel trittico Cittadella, Lecco e Cosenza…) e poi regalarsi un rush finale (derby compresi) in cui ci sarebbe tutto da guadagnare e praticamente nulla da perdere. In ogni caso, prima di fare voli pindarici, è prudente mettere al sicuro la categoria e poi – eventualmente – iniziare a sognare che la sfida con il Parma possa regalare i playoff alla città.

Perché, di fatto, è di questo che si parla…