Riuscirà Carrozzeria Orfeo a salvare il mondo?

A Bagnolo stasera va in scena lo spettacolo della compagnia reggiana "La nostra società è sempre più triste, eppure è piena di foto felici".

Riuscirà Carrozzeria Orfeo a salvare il mondo?
Riuscirà Carrozzeria Orfeo a salvare il mondo?

Va in scena ’Salveremo il mondo prima dell’alba’, spettacolo di Carrozzeria Orfeo, stasera alle 21 al teatro di Bagnolo in Piano, nell’ambito della stagione allestita dall’associazione Quelli del ’29.

’Salveremo il mondo prima dell’alba’ affronta alcuni tra i nodi più sensibili della nostra contemporaneità: la proliferazione delle immagini, il fascino della celebrità, il culto del divertimento, come sintomo di una società sempre più triste eppure piena di foto felici, di mental coach, di influencer, di businessman di successo che quotidianamente propinano stratagemmi funzionali per raggiungere il successo psicofisico e prevalere sugli altri, specchio di un mondo che sempre più racconta della felicità e del successo e sempre meno del dolore.

Lo spettacolo racconta la vita di alcuni ospiti e di una parte dello staff in un centro di lusso specializzato nella cura dalle dipendenze contemporanee.

Sprofondati nel disagio che li ha portati a fuggire alla realtà, i pazienti del rehab esclusivo, situato nello spazio a 400 km dalla terra, sono ancora vittime della propria dipendenza dalla realtà e si raccontano con lucida ironia, mettendoci a conoscenza del proprie travagliate esistenze.

In scena Sebastiano Bronzato, Alice Giroldini, Sergio Romano, Massimiliano Setti, Roberto Serpi, Ivan Zerbinati, regia di Gabriele di Luca, Massimiliano Setti e Alessandro Tedeschi.

Carrozzeria Orfeo parla di paradossi, contraddizioni e deformazioni grottesche che attraversano la nostra contemporaneità.

Lo spettacolo sarà proposto lunedì prossimo, al teatro Herberia a Rubiera.

Antonio Lecci