"Virtus in stato di grazia. Ma è l’anno delle sorprese"

Coach Michelini fa le carte al derby di domenica tra Unahotels e Segafredo "Reggio ha meno tonnellaggio sotto canestro. Ma anche il fattore Bigi pesa".

"Virtus in stato di grazia. Ma è l’anno delle sorprese"
"Virtus in stato di grazia. Ma è l’anno delle sorprese"

E’ Stefano Michelini, apprezzatissimo ex coach di livello, oggi commentatore su Rai Regione nonché dirigente del Kleb Basket Ferrara, a fare le carte al superderby della via Emilia tra Unahotels e Virtus Bologna.

Michelini, il pronostico dice Segafredo...

"Nella serie A di quest’anno?

Così equilibrata e con una coppia al comando, Brescia e Venezia che, a settembre, probabilmente nessuno avrebbe indicato in quella posizione?

In una situazione di questo tipo, non darei nulla per scontato. Anche se una certa dose di realismo è necessaria".

Bologna come ci arriva?

"In uno stato di grazia, e qui sta il realismo. Hanno l’umore a mille e stanno andando alla grande in Eurolega e benissimo in campionato.

Inoltre hanno messo dentro un centro vero e solido come Zizic e un esterno che difende forte ed intenso come Lomazs.

Saranno reduci da due gare europee di un certo livello, ma con questi due ultimi acquisti hanno ulteriormente allungato l’organico e aggiunto valore".

L’Unahotels come la vede invece?

"Prima di tutto sono sicuro che nessuno rivedrà la bruttissima difesa che Reggio ha mostrato nei primi due quarti a Varese, contro il loro tiro da 3, al netto della performance di Mannion e compagni.

E poi avrà dalla sua parte l’enorme calore dei suoi tifosi che, al PalaBigi, è un fattore".

C’è qualcosa che potrebbe far pendere la bilancia a favore di Michele Vitali e compagni?

"Se il formidabile quartetto di esterni che l’Unahotels ha, riuscirà a esprimersi in modo positivo in tutti i suoi elementi, a quel punto la Virtus potrebbe andare in difficoltà, nonostante l’ottimo stato di forma e l’evidente differenza di tonnellaggio sottocanestro".

Lì ci sarà da soffrire per Reggio?

"Faye ha coraggio e sinora ha fatto anche di più di quanto ci si potesse aspettare, Atkins è un giocatore esperto, ma la differenza di tonnellaggio e energia con Shengelia e Zizic è notevole.

E il reparto lunghi biancorosso fa molta fatica in queste situazioni, come si è visto affrontando Bilan nel match con Brescia. E’ verosimile quindi che Banchi (tecnico della Virtus, ndr) insisterà molto sul gioco interno, facendo agire anche Shengelia da 5.

E in difesa cercherà di mandare fuori giri Hervey cercando di anticiparlo con Abass e Polonara".

Ha citato due giocatori importanti.

Achille Polonara, ex Pallacanestro Reggiana, sembra avere superato alla grande la fase più delicata della malattia che lo aveva colpito, Kevin Hervey, ex Virtus, con le Vu Nere potrebbe avere un conto aperto…

"Siamo tutti felicissimi che Achille stia bene, prima di tutto, e che sia stato Mvp della vittoria della Virtus con Pesaro, ulteriore segnale di buona salute. Passando ad Hervey ho la presunzione di pensare che dal punto di vista sportivo cerchi qualche rivincita: secondo me riuscirà a stare sul pezzo molto a lungo e giocherà con energia".

Ci ha dato uno spunto su quello che potrebbe fare Banchi per mettere in crisi l’Unahotels. Si aspetta qualche idea particolare anche da Priftis?

"Secondo me cercherà di raddoppiare spesso su Shengelia e, in fase offensiva, attaccare quei giocatori bianconeri che, in difesa, non sono proprio fulmini di guerra".