Favarigna youtuber arrestato per violenza sessuale scriveva al 13enne: “Rovinato dalla gelosia, ma faremo la pace”

Undici mesi fa Favarigna33, al secolo il 21enne Davide Favaloro, aveva raccontato su Internet l’incontro con la presunta vittima L’altro giorno l’arresto, oggi l’interrogatorio di garanzia

Rimini, 27 ottobre 2023 – «La gelosia ci ha rovinati, ma vi prometto che non sbaglierò più. Ti voglio bene e so che faremo pace". Parole commosse. Prima di scoppiare in lacrime davanti alla telecamera. In un video pubblicato nel novembre del 2022 sul suo canale YouTube (che conta circa 69mila iscritti), Davide Favaloro – il 21enne siciliano in carcere a Trapani in quanto accusato di aver spinto un tredicenne riminese a compiere atti sessuali, oltre a perseguitare lui e la madre con minacce di morte – si mette a nudo e ripercorre la nascita della sua "amicizia" con il ragazzino che, stando alla ricostruzione degli inquirenti, avrebbe in seguito molestato e vessato.

Favarigna33, lo youtuber arrestato per violenza sessuale su un 13enne
Favarigna33, lo youtuber arrestato per violenza sessuale su un 13enne

«Sono stato denunciato!! Addio per sempre" questo il titolo della clip (più di 8mila le visualizzazioni) che, se rivista alla luce delle recenti vicende, permette di comprendere meglio le dinamiche di una relazione torbida e morbosa, sfociata in una vera e propria ossessione e in una querela per violenza sessuale e atti persecutori a carico di Favaloro, conosciuto sul web con il nickname Favarigna33. Denuncia che ha poi portato alle indagini della squadra mobile di Rimini e alla misura di custodia cautelare, disposta dal gip Manuel Bianchi su richiesta del sostituto procuratore Davide Ercolani. Tutto, spiega il 21enne nel video, ha avuto "inizio nel 2017". Un’amicizia, quella tra lo youtuber (all’epoca 15enne) e il piccolo riminese (che all’epoca aveva solo 8 anni), cominciata "grazie alla Playstation", tra una partita online e l’altra a Fortnite. E poi proseguita "tra alti e bassi".

"Ogni tanto litigavamo – racconta Favaloro rivolgendosi ai follower del suo canale YouTube – e non ci sentivamo più per 6 o 7 mesi, dopo di che io tornavo a contattarlo oppure mi contattava lui e facevamo pace". Un copione che si è ripetuto per un po’, fino ad arrivare al 2019, "dopo un episodio di cui non starò qui a parlare, non ci siamo sentiti più fino al gennaio del 2021". Favaloro e il piccolo riminese hanno quindi riallacciato i contatti e finalmente in ottobre "ci siamo incontrati di persona: è stata un’emozione unica, ormai ci volevamo bene come fratelli". Un secondo incontro nell’aprile del 2022 e un terzo nel giugno dello stesso anno, "il mese più bello della mia vita" confida lo youtuber.

In quel periodo, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Favaloro avrebbe soggiornato per alcuni giorni in bed&brekafast di Sant’Ermete e lì avrebbe convinto il ragazzino a dargli un bacio in bocca e a toccarlo nelle parti intime in cambio di piccole somme di denaro, tra i 10 e i 50 euro. Circostanze che sono state messe nero su bianco nella denuncia presentata in seguito alla polizia di Stato.

Poi però la situazione è precipitata. "Litigavamo e ci insultavamo a vicenda, perché io ero diventato molto geloso. Non ci stavo più con la testa, e dopo un po’ ho incominciato a insultare anche sua madre". E’ stata proprio quest’ultima, alla fine, a rivolgersi alla questura di Rimini, esasperata da quel crescendo di minacce, dal vivo o attraverso una raffica di messaggi dai toni sempre più inquietanti. Ed è stata sempre lei, racconta Favaloro, a "dirmi che avrei ricevuto una denuncia".

Difeso dall’avvocato Gaetano Vivona, il 21enne siciliano avrà ora la possibilità di spiegare la sua versione dei fatti nel corso dell’interrogatorio di garanzia, che dovrebbe svolgersi oggi. Mercoledì scorso gli agenti della polizia di Stato hanno svolto una perquisizione nella sua casa in provincia Trapani, sequestrando computer e smartphone. In Rete, Favarigna33 è diventato popolare grazie ai video delle sue partite online a videogiochi come Fortnite e GTA. Tra i giovanissimi che lo seguono su YouTube e TikTok, vanno forte anche i video delle ’challenge’, in cui Favaloro sfida i suoi amici a compiere delle prove come rimanere il più possibile in apnea.